Parma, parla l’ex Leonardi: “L’esclusione in Europa fu una grave ingiustizia, da lì è iniziato il percorso negativo”

tifosi-parma

LEONARDI PARMA INGIUSTIZIA – Intervenuto ai microfoni di “PresaDiretta”, trasmissione in onda su Rai Tre, Pietro Leonardi è tornato a parlare dopo diverso tempo del crac Parma. Il primo tema trattato dall’ex dirigente crociato – riporta parmalive.com – è stato quello relativo alla cessione del marchio alla società satellite Parma Brand: “La cessione del marchio è un qualche cosa che hanno fatto quasi tutti i club, anche i più grandi”.

Questo però vuol dire vendere il marchio a se stessi…
“Ma no, non è vendere a se stessi. Lì si era creata una società che, attraverso il marchio, andava alla ricerca di altri indotti: si utilizzava il marchio per poter sviluppare ancor di più indotti”.

Però i soldi non c’erano, siete anche stati esclusi dall’Europa League.
“Quella è stata una grave ingiustizia, e da lì è iniziato il percorso negativo. Dopo aver pagato 13 milioni di tutte le cose arretrate, a detta loro non abbiamo pagato 300mila euro di incentivi all’esodo, anche se a tutti gli effetti non c’era l’obbligo, tant’è vero che io sono stato assolto per ciò che concerne quel tema specifico”.

I tanti giocatori sotto contratto servivano per gonfiare fittiziamente il bilancio?
“Questa è una favoletta. Vi invito ad andare a vedere tutti i club di Serie A, anche i più importanti: vediamo quanti sono sotto i 100 tesserati… E’ una strategia, non era un qualcosa di oscuro come si è fatto passare. E ribadisco con forza: me le faccio da solo le plusvalenze? Domando: solo io?”.

Classe '96. Sono un appassionato di calcio a 360°. Questo sport è il vero e proprio "oppio" dei popoli ed io di certo, non mi sottraggo alla sua forza magnetica. La Serie B è un campionato difficile ma incredibilmente divertente, e poterne scrivere, grazie a questa redazione, mi rende orgoglioso.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.