Errori e calcio spettacolo, succede di tutto fra Lecce e Ternana. 3-3 il risultato finale

LECCE – TERNANA

Il “Via del Mare” è il teatro della sfida fra Lecce e Ternana. Dopo la difficile sfida sul campo del Frosinone, i salentini intendono tornare al successo per non perdere di vista le prime due posizioni in classifica. Le Fere, invece, puntano a conquistare continuità tentando di innestare il terzo risultato utile consecutivo.

PRIMO TEMPO 

Inizio aggressivo della Ternana, che prova ad inoltrarsi nell’area di rigore avversaria. Sin dai primi minuti di gioco emerge grande intensità fra le due formazioni. Al 10′ le Fere trovano il vantaggio: dormita di Barreca sulla fascia destra, con Partipilo che recupera palla, arrivando poi sul fondo e sfornando un assist preziosissimo per Falletti, abile a trafiggere Gabriel con un preciso diagonale. Passa poco più di un minuto e il Lecce ritrova la parità: gli uomini di Lucarelli sbagliano la gestione di una rimessa laterale, con Proietti che perde il pallone e permette a Lucioni di innescare Majer in area di rigore, bravo a scavalcare Iannarilli in uscita. Gli umbri ci riprovano poco dopo con Falletti, ma l’uruguaiano viene ipnotizzato da Gabriel. I salentini crescono nel corso dei minuti e conquistano il pallino del gioco, tentando di costruire trame offensive sui piedi di Di Mariano e Strefezza. Al 37′ grandissima occasione per Olivieri che, lanciato da Hjulmand, riesce a superare la pressione di Kontek, perdendo poi lucidità davanti all’estremo difensore avversario capace di neutralizzare il suo tentativo. Al 43′ il Lecce passa in vantaggio: altro disimpegno errato della Ternana, con un passaggio alto in orizzontale di Koutsoupias intercettato da Strefezza che, sostenuto da Hjulmand con un passaggio tra le linee, conquista velocità lasciando partire un gran tiro dal limite che si insacca nell’angolino sinistro della porta difesa da Iannarilli.

SECONDO TEMPO

Il Lecce torna in campo con determinazione e sfiora il tris con una doppia occasione: Olivieri approfitta dell’erroraccio della difesa della Ternana, ma la sua conclusione viene respinta da Iannarilli. Sulla ribattuta Strefezza non inquadra lo specchio della porta per questione di centimetri. Al 56′ incredibile papera del portiere Gabriel che raccoglie il passaggio di Barreca finendo per perdere clamorosamente il controllo del pallone, complice la pressione di Donnarumma che deve soltanto insaccare in rete da pochissimi passi. E’ 2-2, ma i salentini, anche in questo caso, riescono immediatamente a ristabilire le distanze al 58′:  Calabresi galoppa sulla fascia destra e serve Strefezza che tenta il tiro, riuscendo nuovamente a gioire grazie alla deviazione decisiva di Boben che tradisce il compagno Iannarilli. Le Fere non si perdono d’animo e al minuto 73 trovano nuovamente il pari con uno dei gol più belli ammirati in questo campionato: Partipilo supera Di Mariano con una ruleta e lascia esplodere una conclusione letteralmente strabiliante che si insacca all’incrocio dei pali. Da vedere e rivedere. Succede di tutto al “Via del Mare”, è 3-3. All’83’ nuova occasione per il Lecce, con un potente calcio di punizione di Di Mariano che viene neutralizzato in calcio d’angolo da Iannarilli. Il quarto uomo segnala cinque minuti di recupero, ma le squadre tornano negli spogliatoi dividendosi la posta in palio. Un pari che assume i contorni di un’occasione sprecata per i salentini, rispetto ai rossoverdi che, invece, posso guardare il bicchiere mezzo pieno.

LECCE-TERNANA 3-3: IL TABELLINO FINALE

Marcatori: 10′ Falletti (T), 11′ Majer (L), 43′ Strefezza (L), 56′ Donnarumma (T), 58′ Boben (AG) (L), 74′ Partipilo.

LECCE (4-3-3): Gabriel; Calabresi, Lucioni, Dermaku (dall’80’ Meccariello), Barreca; Björkengren (dal 74′ Gargiulo), Hjulmand, Majer (dall’85’ Listkowski SV); Strefezza (dall’85’ Listkowski), Olivieri (dal 74′ Rodriguez), Di Mariano. Allenatore: Baroni.

TERNANA (4-2-3-1): Iannarilli; Diakite (dal 79′ Ghiringhelli), Boben, Kontek, Martella; Proietti (dal 70′ Paghera), Koutsoupias (dal 70′ Agazzi); Partipilo, Falletti, Capone (dal 65′ Pettinari); Donnarumma (dal 79′ Salzano). Allenatore: Lucarelli.

Arbitro: Sig. Paterna di Teramo.

Ammoniti: Boben (T), Salzano (T), Iannarilli (T), Meccariello (L).

Nato a Palermo nel 1996. Laureato in Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni presso l'Università degli Studi di Palermo e studente specializzando in Televisione, Cinema e New Media alla IULM.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.