Juve Stabia, Calò: “Pronto a tornare in campo se e quando sarà possibile”

CALO JUVE STABIA – Giacomo Calò, centrocampista attualmente in forza alla Juve Stabia, è intervenuto nel corso della trasmissione Juve Stabia Live Talk Show. Ecco le sue dichiarazioni raccolte da vivicentro.it: “Dai primi di marzo sono ovviamente solo in casa, a Pompei, e per quanto possibile proseguiamo negli allenamenti con la Juve Stabia. Siamo seguiti dal mister e dallo staff, utilizzando sedie e casse d’acqua per gli esercizi in casa; in questi giorni sto iniziando a fare qualche corsetta nei dintorni nel rispetto delle regole. Vivo proprio accanto ad Elia quindi con lui il contatto è continuo, spesso andiamo a fare la spesa insieme ma in auto diverse; sento poi spesso Allievi, Mastalli, Mallamo ecc.

La preoccupazione c’è ma sono pronto a tornare in campo se e quando sarà possibile. Per me va bene giocare anche ad agosto perché la voglia di campo è tanta; purtroppo non ci sono ancora programmi definiti quindi non possiamo fare altro che attendere. Mi farebbe piacere tornare in campo anche per, eventualmente, salutare i tifosi al Menti (il suo cartellino è del Genoa, che lo ha acquistato l’estate scorsa ndr).

La precisione col destro è una dote naturale che ho perfezionato negli anni con gli allenamenti, dedicandomi sempre di più sui calci piazzati. La buona riuscita dei nostri schemi è merito anche dei compagni e del mister, che studia soluzioni ideali per noi. Il Presidente Manniello? E’ una grande persona; non ci ha mai fatto mancare la sua vicinanza, anche nei momenti difficili.

Mi aspetto un ritorno in campo difficile perchè ci saranno tanti fattori nuovi che dovremo valutare. In primis il caldo, perchè si dovrebbe tornare in campo in estate, e poi l’atmosfera degli stadi vuoti che per noi calciatori non è facile da assimilare. Saranno motivi ulteriori per tenere la guardia alta. Di Luigi Viola, posso dire solo cose belle: nel primo anno alla Juve Stabia, in cui ho giocato poco, ha sempre avuto un occhio di riguardo per me e mi è stato vicino.

Lo scorso anno è stata una stagione in cui ci sono girato bene tante cose. Ricordo ad esempio le due partite con la Reggina, con la vittoria in casa grazie alla rete un po’ casuale di Germoni, e la gara in trasferta condita da un gran vento ma comunque positiva per noi. Anche la rete di Carlini con la Vibonese, arrivata al 95esimo, è stata importante per il morale e la classifica“.

Classe '96, Laureato Magistrale in Economia Aziendale con una tesi sulla Corporate Governance delle società calcistiche, italiano di nascita ma cittadinanza napoletana, appassionato di calcio a tal punto che la prima parola detta pare sia stata "Gol" invece di papà o mamma. Quando ho tempo scrivo, o almeno ci provo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.