Cremonese, Zortea: “Il calcio di Pecchia mi piace molto. Sto migliorando anche in fase difensiva”

ZORTEA CREMONESE PECCHIA – Nadir Zortea, terzino sinistro della Cremonese, ha risposto alle domande della stampa ai canali ufficiali del club lombardo.

“L’infortunio in ritiro mi ha tenuto fermo due mesi e mezzo, ho perso l’inizio di campionato e questo è stato importante sia per me che per la squadra. Quando sono rientrato ho trovato spazio, ma credo che non debba accontentarmi di giocare ma bisogni invece puntare a fare sempre di più e meglio. In fase difensiva mi sento più solido, è qualcosa a cui ho lavorato molto. Da terzino mi trovo bene, penso sia il ruolo più adatto alle mie caratteristiche anche se posso giocare anche più avanti.

Utilizziamo molto i terzini sia per impostare che per finalizzare l’azione, il gioco di Pecchia è affine a ciò che a me piace. Sono un terzino di spinta e mi trovo a mio agio a offendere, mi diverto molto quando sono in campo. Si tratta del secondo anno qui, mi trovo bene anche dal punto di vista delle strutture. Il centro sportivo è uno dei punti di forza di questa società. Nel calcio dei grandi cambia il ritmo in campo ma anche lo stile di vita fuori da essa.

Guardo molto i terzini di spinta, mi piacciono molto Theo Hernandez e Cancelo ma cerco di rubare qualcosina a tutti. Secondo me la svolta ce la siamo meritata noi con lavoro e impegno. Sicuramente col Pordenone dobbiamo giocare per vincere, sarebbe un passo in avanti per la salvezza. Nelle gare successive capiremo a che punto saremo. Ho sperato di esser convocato in Under 21 ma non è il mio unico obiettivo stagionale e quindi ho avuto modo di concentrarmi per la Cremonese.

In grigiorosso sto lavorando per avere un futuro in una categoria superiore e a fine stagione sarò pronto per fare il ritiro con l’Atalanta. Mi piacerebbe poi misurarmi con le difficoltà di un campionato come la A. Quello che stiamo vivendo è un momento difficile per noi giovani, ma mi ritengo fortunato perché sto riuscendo a concentrarmi sul mio lavoro. Vaccini per i calciatori? La precedenza ce l’hanno i più fragili che ne hanno davvero bisogno, è la cosa giusta. Quando ce ne sarà la possibilità saremo vaccinati anche noi.”

bonus
Studente di filosofia a 360 gradi, convinto che lo sport ed il calcio forniscano una chiave di lettura per interpretare la vita. Appassionato di scrittura, in qualsiasi sua forma, convinto che ogni campo da gioco sia terreno fertile per la letteratura.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.