Frosinone-Brescia, Inzaghi: “Rigore non concesso su Moreo? Mi dicono sia uno scandalo. Ma cosa osserva il VAR?”

INZAGHI FROSINONE BRESCIA – Filippo Inzaghi, allenatore del Brescia, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Sky Sport al termine della sfida contro il Frosinone, manifestando il suo dissenso per il rigore non concesso dopo il fallo su MoreoLe sue parole riportate da “Tuttomercatoweb.com”: “Rigore non concesso a Moreo? Dal campo sembrava netto e tutti i messaggi che mi sono arrivati dicono che è uno scandalo. Al di là del rigore, non capisco il VAR cosa serva. E’ questo che è inspiegabile visto che già l’anno scorso col Benevento non è mi è andata molto bene. Sarebbe ora di chiarire le cose anche perchè poi mettiamo gli arbitri in difficoltà. L’arbitro di oggi era al VAR l’altra sera col Crotone e l’episodio su Joronen era da rosso perchè è andato in ospedale. Accetto che vadano al VAR e poi mi dicano che non c’è il rigore. Il giocare è andato per rinviare, Moreo è andato in anticipo. Questo lo fischiano tutta la vita, poi dopo se il VAR ce lo toglie, ha un senso. Sennò non ha più senso avere il VAR. Al di là dell’episodio, è stata una bella partita. Complimenti al Frosinone che ha fatto una grande gara. Noi abbiamo ribattuto colpo su colpo. Ci troveremo il Frosinone a lottare perchè è una squadra forte. Lì è un episodio che l’arbitro deve fischiare per forza, poi se il VAR dice che il contatto non c’è ce lo deve togliere. Sennò il VAR non serve più a niente. Col Frosinone non ho nulla. All’arbitro ho detto perchè non è andato al VAR a vederlo, anche se dal campo lo deve fischiare tutta la vita. Invece ha fischiato la fine della partita probabilmente per non andarlo neanche a vedere. Andiamo avanti, teniamoci una partita complicata. L’abbiamo rimessa in piedi, l’avremo vinta col rigore ma ora pensiamo all’Ascoli”.

“Quest’anno è una Serie B molto difficile. Ci sarà da soffrire su tutti i campi. Oggi eravamo partiti bene, abbiamo preso due gol dove dobbiamo migliorare. Abbiamo avuto un’occasione con Palacio che il guardalinee ha dato un fuorigioco che non c’era, anche se lui deve fare il gol e probabilmente il VAR lo avrebbe assegnato. La squadra ha dimostrato carattere, ha reagito, ha avuto il comando del gioco. Mi spiace per come è finita però questa storia del VAR va chiarita. Già l’anno scorso l’ho pagata amaramente e visto che mi piace il calcio vero e poi dopo magari ti passa un po’ anche la voglia. Io dico solo di fare chiarezza. Accettiamo il risultato del campo, è stata una partita difficile”.

Nato a Palermo nel 1996. Laureato in Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni presso l'Università degli Studi di Palermo e studente specializzando in Televisione, Cinema e New Media alla IULM.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.