Gol, pali e spettacolo al Teghil: la Ternana fa il colpaccio, è 1-3 col Pordenone

PORDENONE TERNANA CRONACA – Dallo stadio Teghil riparte la Serie B. Dopo la sosta per le nazionali, il campionato Cadetto torna e lo fa con il match delle 14:00 tra Pordenone Ternana. Entrambe le squadre sono chiamate a fare risultato per allontanarsi momentaneamente dalle zone pericolose della classifica. Rastelli si affida alla coppia Pellegrini-CambiaghiLucarelli invece da fiducia a Partipilo che agirà alle spalle di Donnarumma.

Parte col botto la Ternana, che la sblocca dopo soli 10 minuti di gioco. Furlan innescato da un ottimo lancio di Palumbo fa da sponda in mezzo per Donnarumma che da due passi insacca. Neanche il tempo di mettere la palla a centrocampo e c’è già il raddoppio degli ospiti. Al 12′  Partipilo si muove tra le linee e mette, con un ottimo filtrante, Falletti a tu per tu contro un incolpevole Perisan che non può nulla. Il destro a incrociare si spegne nell’angolino. Partenza shock per i padroni di casa, che sono chiamati a reagire al più presto. Ci prova al 18′ Pinato ma il suo tiro è velleitario ed esce alla destra di Iannarilli. Al 24′ Perisan è reattivo nell’uscire forte su Partipilo che ha combinato ancora molto bene con Falletti. Problemi fisici per Sabbione, che è costretto al 31′ a lasciare il terreno di gioco. Al suo posto entra Falasco. Pordenone che prova a reagire e al 39′ Cambiaghi manda in apprensione Iannarilli con un sinistro da posizione laterale. L’estremo difensore fere mette con un po’di affanno in calcio d’angolo. Ternana pericolosissima al 41′ con una doppia occasionissima. Partipilo prova un sinistro di controbalzo dal limite dell’area centrando in pieno il palo dopo una lieve deviazione di Perisan. Sugli sviluppi della stessa azione la sfera giunge a Proietti che col mancino prova a piazzare: palla che esce di poco alla destra del portiere neroverde. Ramarri che faticano a creare occasioni pericolose.

A cavallo tra un tempo e l’altro, sostituzione nei Ramarri: dentro Tsadtjout, fuori un opaco Pellegrini. Nella ripresa inizia ancora forte la Ternana, ma il sinistro di Partipilo è centrale ed è bloccato da Perisan. Al minuto 48 Zammarini calcia a botta sicura dal centro dell’area di rigore, ma Sorensen si oppone legalmente, nonostante le proteste neroverdi che richiedevano un fallo di mano. Al 49′ traversa clamorosa di Camporese che stacca tutto solo sul calcio d’angolo di FalascoIannarilli immobile viene salvato dal legno. Ancora i padroni di casa un minuto più tardi con il tiro di Tsadjout che finisce però a un metro dal palo. Primo cambio per Lucarelli al 54′, che sostituisce Proietti e inserisce Agazzi. Insiste il Pordenone, al 62′ Tsadjout ha l’opportunità da dentro l’area di rigore di mettere un tiro-cross che viene però solo sfiorato da Pinato sul dischetto del rigore. 5 minuti più tardi doppia sostituzione Ternana: fuori due tra i migliori in campo, ovvero Donnarumma Partipilo, dentro Capone Paghera. Cambii anche per Rastelli che sostituisce Pasa Zammarini e inserisce Mensah e Petriccione. Al minuto 69 la chiude virtualmente la Ternana ancora con Cesar Falletti che scappa via a una scopertissima difesa neroverde, combina con Capone, evita il tentativo disperato di Perisan e deposita il pallone in rete per il 3-0 che arriva nel momento migliore dei Ramarri. Doppia sostituzione Fere: dentro Pettinari Celli, fuori Falletti Martella. Prova a riaprirla il Pordenone con il gol di Falasco. Punizione violentissima che finisce all’incrocio dei pali, imparabile per Iannarilli. Al 78′ c’è ancora partita al Teghil. Rastelli sostituisce Barison e inserisce Stefani. All’81’ girata di Mensah con la respinta di Iannarilli e l’anticipo decisivo di Sorensen a impedire il tap-in di Tsadjout e a mettere il pallone in corner. Partita sontuosa del centrale danese. Mensah con l’acrobazia all’84esimo, pallone alle stelle, mandandoci anche le residue speranze neroverdi.

La Ternana che espugna dunque il Teghil con una prestazione convincente sotto tutti i punti di vista. La squadra di Lucarelli ha saputo soffrire e ha saputo offendere quando necessario. Non basta un ottimo secondo tempo agli uomini di Rastelli, che rimangono dunque infondo alla classifica con un solo punto conquistato.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.