Stroppa strapazza il Foggia: il Crotone si impone 4-1 allo “Scida”

Crotone

CROTONE FOGGIA – Allo stadio “Ezio Scida” di Crotone gli Squali fanno il loro debutto casalingo contro il Foggia. La squadra di Stroppa, arrivato in estate proprio dalla Puglia, parte subito con un buon piglio, pur non creando occasioni da rete eclatanti. I Satanelli, dal canto loro, attendono i padroni di casa con spirito sornione, tentando di pungere solo in occasione di due rinvii sbagliati da Cordaz, ma senza avvicinarsi con convinzione al vantaggio. Alla mezz’ora è il Crotone a legittimare la mole di gioco con l’1-0, grazie al piattone di Faraoni, abile a colpire al volo un tracciante disegnatogli dalla sinistra da Martella e fortunato nel trovare un Bizzarri non troppo reattivo.

Ad inizio ripresa i Pitagorici siglano due reti splendide che annichiliscono gli ospiti: prima Firenze trova l’incrocio con un tiro a giro dal limite, poi Nalini beffa l’estremo difensore rossonero con un pallonetto dai 35 metri. Al minuto 56 si registra una pausa, a causa del guasto di un riflettore dello stadio calabrese. Dopo circa 400 secondi di pausa, il match ricomincia senza che il copione cambi col 4-0 immediato di Rohden, che supera un ancora incerto Bizzarri dopo un bel triangolo con Nalini. La squadra di casa nell’ultima mezz’ora si limita a congelare e amministrare la partita, sfiorando però la cinquina ancora con l’ex Salernitana, che tenta di ripetere la giocata del 3-0, ma sollecita l’attenzione del portiere, che smanaccia altro. A 7 minuti dalla fine il Foggia accorcia la distanza col rigore di Fabio Mazzeo, al primo gol stagionale.

Il risultato di stasera mescola le carte in tavola rispetto alla prima giornata e testimonia il grado d’imprevedibilità di una Serie B che si preannuncia estremamente imprevedibile. Dopo due anni intensi, Stroppa infligge una pesante bastonata alla creatura da lui plasmata e alla piazza con cui ha vissuto un rapporto tanto controverso. Grassadonia vede invece riaccendersi la spia apparsa nell’ultimo quarto d’ora contro il Carpi: registrare la difesa è al momento la priorità assoluta.

CROTONE (3-5-2): Cordaz; Cuomo, Faraoni, Marchizza; Sampirisi, Rohden, Benali, Firenze, Martella (71′ Molina); Nalini (82′ Stoian), Budimir (69′ Simy). All. Stroppa.

FOGGIA (3-4-3): Bizzarri; Tonucci (75′ Ranieri), Camporese, Martinelli; Loiacono (52′ Gori), Agnelli, Carraro, Kragl; Cicerelli (87′ Gerbo), Chiaretti, Mazzeo. All. Grassadonia.

Ammoniti: Tonucci (F), Benali (C)

Arbitro: Daniele Minelli

bonus
Studente di filosofia a 360 gradi, convinto che lo sport ed il calcio forniscano una chiave di lettura per interpretare la vita. Appassionato di scrittura, in qualsiasi sua forma, convinto che ogni campo da gioco sia terreno fertile per la letteratura.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.