Carpi, Poli: “Il margine di errore è minimo, ma ce la possiamo ancora giocare”

Poli

POLI CARPI – Poli ha parlato in conferenza della situazione del Carpi e della prossima gara:

C’è parecchia amarezza perché nelle ultime partite ce la siamo giocata alla pari con squadre di prima classe tappando solo col Cittadella ma raccogliendo niente. Questo ci dà la consapevolezza che ce la possiamo giocare con tutti e che se giochiamo come col Perugia le vittorie arriveranno, l’importante è mettere sempre in campo le prerogative messe col Perugia. Non molliamo di un centimetro, il campionato è ancora lungo, ci sono scontri diretti da giocare, il margine di errore è minimo ma ce la possiamo ancora giocare. Se in queste prime cinque gare del girone di ritorno avessimo fatto 8 punti nessuno avrebbe avuto niente da dire, ma se ne abbiamo fatto uno significa che qualcosa che non va c’è. Essere la peggior difesa del campionato ci deve dare ancora maggiore concentrazione perché se sabato abbiamo subito gol al 91’ dobbiamo esserlo per 95’”. Sul prossimo avversario. Lo Spezia è una squadra molto forte, che da anni si qualifica sempre ai play-off e che quest’anno è ancora più forte del solito. Fanno girare bene la palla, hanno esterni molto forti nell’uno contro uno e davanti Galabinov col quale ho giocato a Novara e che può spostare gli equilibri di una partita”. Lo spettro della Serie C? Da capitano di questa squadra dico solo che non voglio pensarci, abbiamo ancora possibilità di salvarci e siamo concentrati solo su quello”.

FONTE: Sito ufficiale Carpi

 

Classe '96. Sono un appassionato di calcio a 360°. Questo sport è il vero e proprio "oppio" dei popoli ed io di certo, non mi sottraggo alla sua forza magnetica. La Serie B è un campionato difficile ma incredibilmente divertente, e poterne scrivere, grazie a questa redazione, mi rende orgoglioso.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.