Lecce, Mancosu: “Questa settimana di sosta ci voleva proprio per me. Serie A? Le insidie sono tantissime ma è l’obiettivo che tutti vogliamo”

MANCOSU LECCE – Marco Mancosu, capitano del Lecce, ha parlato in conferenza stampa del momento suo e di squadra. Ecco le sue parole, riportate da calciolecce.it:

“E’ stato difficile relativamente, perché se sei out e la squadra va male stai decisamente molto peggio e te la vivi male. E’ un’ansia terribile seguire le partite lontano, questo assolutamente sì, ma finché la squadra va così posso rimanere anche fuori fino alla fine. Il mio sostegno cerco di darlo sempre e comunque. Condizioni? Questa settimana di sosta a disposizione sta andando alla grande e ci voleva proprio per quanto riguarda la mia condizione. Ammetto di essere pieno di dolori un po’ come quando si è in preparazione. Allenarmi con i compagni è però importantissimo e conto di essere a piena disposizione dal primo maggio. Poter esserci per queste partite conclusive è per me una gran vittoria. Al di là del campo, anche poter dare la parola ai giovani per far capire loro l’importanza di raggiungere il risultato finale. Rush finale. Le insidie di questo finale di campionato sono tantissime, in campo ma anche fuori campo perché bisogna evitare situazioni come quelle del Covid, visto quanto è tirato questo campionato. Però devo dire che la nostra società è sempre stata attentissima e certosina sotto questo punto di vista. Ora sarà ancora più importante. Gare alle 14? Un po’ ho paura, anche se noi siamo una squadra che corre tantissimo dimostrando di esserci fisicamente e questo potrebbe diventare un punto di forza. Sono partite importanti, toste, dove non si può mollare dunque i dettagli possono fare la differenza”.

Bilancio? Per natura non mi accontento, dunque analizzando la mia stagione devo dire che fino all’Empoli ho fatto il miglior campionato della mia carriera per rendimento. Poi però c’è stato un calo dei numeri dettato anche da problemi fisici, dunque non posso certamente dirmi soddisfatto. Anzi bisognerà fare il massimo in questo finale ed io cercherò di dare il mio contributo. Trequarti? A Liam do un voto altissimo. All’inizio era titubante circa il fare il trequartista e io gli ho detto che in un campionato così lungo era importante e si sarebbe trovato bene, sin da quando il mister lo ha provato in quel ruolo. Ha la qualità e l’intelligenza per farlo. Personalmente nella mia crescita non è stato fondamentale tanto il cambio di ruolo quanto il miglioramento sotto altri punti di vista, a prescindere dal giocare tra le linee o da mezzala, posizione che continuo a sentire più mia. Dedica? Il gesto di Stefano Pettinari con la Salernitana, quando ha mostrato la mia maglietta in occasione del gol, mi ha fatto capire quanto sono ben voluto e questo è impagabile. Due anni fa? Le differenze sono tante. Eravamo partite con l’idea di salvarci, poi l’appetito ci è venuto con il tempo. Quest’anno c’è una pressione diversa, perché siamo forti e veniamo dalla Serie A, ma abbiamo anche giocatori abituati ad un certo tipo di pressioni”.

Obiettivo Serie A. Non penso a riprendermi qualcosa in cui ho fatto bene l’anno scorso, semplicemente perché il focus su queste ultime uscite è troppo forte. Pensiamo davvero solo al Cittadella. Poi è chiaro che spero di raggiungere l’obiettivo che tutti vogliamo. Abbiamo tutti da guadagnare da questo obiettivo, sia dal punto di vista della gloria che economico per noi e per il club”.

bonus
Classe '96. Sono un appassionato di calcio a 360°. Questo sport è il vero e proprio "oppio" dei popoli ed io di certo, non mi sottraggo alla sua forza magnetica. La Serie B è un campionato difficile ma incredibilmente divertente, e poterne scrivere, grazie a questa redazione, mi rende orgoglioso.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.