Lecce, Corini: “I ragazzi sono delusi ma c’è tanta voglia di ripartire”

CORINI LECCE CITTADELLA – Eugenio Corini, tecnico del Lecce, ha parlato al termine della gara col Cittadella. Ecco le sue parole, riportate da calciolecce.it: 

“Avevamo la consapevolezza di affrontare una squadra in salute, visto che prima della sosta avevano battuto il Chievo. Abbiamo fatto bene, siamo riusciti a pareggiare creando i presupposti per andare in vantaggio. Nel secondo tempo dopo un approccio iniziale in cui stavamo facendo la partita, su un rinvio lungo Rosafio ha trovato il grande gol. La partita si era incanalata in un certo senso, ma abbiamo lo stesso creato due occasioni importanti, parlo di Majer, Meccariello e Stepinski più altre situazioni. Nei momenti determinanti della gara non abbiamo portato l’inerzia della gara dalla nostra parte. Loro sono bravi dal punto di vista dell’intensità e nelle ripartenze, hanno spostato la partita dalla loro sponda, sono stati abili a far questo per conquistare la vittoria”.

Occasione sprecata? I ragazzi erano delusi ma c’è tanta voglia di ripartire, il campionato è aperto e vediamo la giornata in un certo modo. C’è delusione per la mancata vittoria e per l’occasione non colta visti i risultati dagli altri campi. E’ stata una giornata pro Monza mentre siamo rimasti uguali con la Salernitana, poi il Venezia ha accorciato. Ancora oggi siamo in promozione diretta e andremo a giocarci la gara col Monza tra pochi giorni. Abbiamo tutte le qualità per giocarci la contesa con loro, il campionato è ancora aperto ed è tutto da vincere”. 

Monza? Abbiamo sempre considerato i brianzoli nonostante il loro precedente distacco. La grande qualità della loro rosa ci dava la consapevolezza di essere una concorrente fino in fondo. Hanno accorciato le distanze, ma sarebbe stata comunque importante la gara di martedì. Certo, avrei voluto andare lì con un piccolo distacco, non è stato possibile per la nostra partita non andata bene. Ora dobbiamo essere lucidi, servono energie da recuperare per una partita dal peso specifico straordinario: dobbiamo preparare la gara di Monza”.

Mancosu e Paganini? Hanno dato il loro apporto, avevo bisogno delle loro energie contro il Cittadella che è molto compatto. Il campo si era allungato e mi serviva la qualità di Marco e la gamba di Luca per dare supporto a Maggio e attaccare il secondo palo. In mezzo ho messo qualità con Tachtsidis per cercare di leggere così la partita. Paganini e Mancosu non giocavano da tempo ma li ho visti bene”.

 

bonus
Classe '96. Sono un appassionato di calcio a 360°. Questo sport è il vero e proprio "oppio" dei popoli ed io di certo, non mi sottraggo alla sua forza magnetica. La Serie B è un campionato difficile ma incredibilmente divertente, e poterne scrivere, grazie a questa redazione, mi rende orgoglioso.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.