Cremonese, Castagnetti: “Siamo una squadra forte. SPAL? Pezzo importante della mia carriera”

CASTAGNETTI CREMONESE FORTE – Michele Castagnetti, regista della Cremonese, ha parlato in conferenza presentando la sfida contro la SPAL.

Queste le sue dichiarazioni, raccolte da CuoreGrigiorosso.com:

“Ho sempre giocato in un centrocampo a tre, tranne ad Empoli che eravamo a due come oggi, e devo dire che mi trovo ugualmente bene. Sono ora accanto a Bartolomei che è un grande giocatore, forte, e che non scopro di certo io. Abbiamo giocato contro tante volte, soprattutto in C, e ricordo diverse battaglie. Ritengo sia un giocatore di categoria e sono convinto ci darà una grossa mano da qui alla fine. È normale che uno voglia sempre giocare, non è stato facile l’anno scorso anche perché i risultati faticavano ad arrivare. Poi, quando uno sta fuori e la squadra vince allora pesa di meno, ma se in più la squadra non fa punti allora diventa davvero difficile. Comunque fa parte del gioco, io ho sempre cercato di dare il mio contributo quando sono stato chiamato in causa. Per le mie caratteristiche è meglio avere palla per più tempo possibile, sono un giocatore di palleggio più che di corsa. Domenica, contro il Pescara, mi sono trovato bene e con un possesso maggiore si soffre di meno.

Centrale nella difesa a 3? Mi è stato chiesto dal mister, io ho dato la mia disponibilità perché è giusto fare così, io cerco di dare sempre il massimo anche se il ruolo era insolito e credo di aver fatto qualcosa di buono. Dobbiamo far bene, giochiamo in casa e lo Zini deve diventare il nostro fortino. Siamo contro una squadra forte con tanti giocatori di Serie A, a noi serve rincorrere la classifica, perché resta non troppo tranquilla nonostante la vittoria col Pescara. Rinnovo? Abbiamo un accordo e manca solo l’ufficialità. La SPAL è stata un pezzo importantissimo della mia carriera, di quella squadra sono rimasti 2-3 giocatori e sarà bello affrontarla. Noi siamo in cerca di un risultato ad ogni costo, anche se a Ferrara sono stato benissimo. Mora sta tornando alla Spal ed è felice, per la Serie B è un veterano: l’ha vinta due volte, è affidabilissimo. Sergio Floccari è sempre stato un esempio, ci diede una mano incredibile segnando tanti gol da gennaio in avanti, complice l’infortunio di Antenucci. Vicari ci ha messo un po’ ad imporsi, ma mi ha stupito molto, anche che non sia rimasto in A.”

bonus
Studente di filosofia a 360 gradi, convinto che lo sport ed il calcio forniscano una chiave di lettura per interpretare la vita. Appassionato di scrittura, in qualsiasi sua forma, convinto che ogni campo da gioco sia terreno fertile per la letteratura.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.