Benevento, Caldirola: “La quarantena non è impegnativa. Ci hanno chiesto di stare a casa non di andare in guerra”

CALDIROLA BENEVENTO –  Luca Caldirola, difensore del Benevento ha parlato del momento difficile del paese a DAZN. Ecco le sue parole, riportate da ottopagine.it:

“Purtroppo vedo che questa situazione andrà un po’ per le lunghe. Stare senza calcio è molto dura non solo per noi, ma per tutto il paese. La quarantena non è impegnativa: ci hanno chiesto di stare in casa, non di andare in guerra, anche se le giornate cominciano a diventare lunghe. Per quanto riguarda gli allenamenti, cerchiamo di attrezzarci nel migliore dei modi attraverso un programma che ci hanno fornito. Facciamo vari esercizi e ci muoviamo tramite cyclette o tapis ruolant. Ieri sono uscito per la prima volta per fare spesa e in giro non ho visto nessuno, Benevento è deserta. E’ una cosa positiva, in altre città la gente non ha capito la gravità della situazione mentre qui c’è stata una risposta positiva. Vigorito? E’ una persona sempre presente, anche in questi momenti. Un presidente così è difficile trovarlo nel mondo del calcio perché fa tutto con grande passione. Dobbiamo tenercelo stretto. Di lui mi è rimasta impressa la grande calma mostrata dopo la sconfitta nei playoff con il Cittadella, ci ha trasmesso tanto”.

Classe '96. Sono un appassionato di calcio a 360°. Questo sport è il vero e proprio "oppio" dei popoli ed io di certo, non mi sottraggo alla sua forza magnetica. La Serie B è un campionato difficile ma incredibilmente divertente, e poterne scrivere, grazie a questa redazione, mi rende orgoglioso.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.