Cittadella, Tsadjout: “Il futuro è nelle nostre mani, non dobbiamo dipendere da nessuno”

TSADJOUT CITTADELLA FUTURO – Frank Cedric Tsadjout non pensa al futuro ma guarda al presente, e il presente si chiama Cittadella. Sa che di strada ne dovrà compiere parecchia per riuscire a imporsi nel calcio che conta, ma non si spaventa affatto:

“Sono un ragazzo giovane, e ho tanto ancora da imparare – le sue dichiarazioni rilasciate a Il Gazzettino -. Per me questo è un anno importante perché sono riuscito a confrontarmi a un certo livello, e ogni giorno sto imparando qualcosa. Quotidianamente cerco di attingere ai segreti dei giocatori che sono più esperti di me, ho avuto la possibilità di conoscere bene i veterani del nostro gruppo e i membri dello staff, che mi stanno dando una grossa mano. Non mi sento al top, tutt’altro: so di poter dare molto di più”. 

Non è ancora finita la stagione, ma Tsadjout trae un primo bilancio dell’esperienza in maglia granata: “La reputo molto positivo dal punto di vista personale. Per quello collettivo, della squadra, invece ne riparleremo a fine campionato. In quest’anno ho avuto tante possibilità di crescita, lo staff tecnico mi aiuta molto e mi permette di migliorarmi sotto tanti aspetti. Il mio obiettivo da raggiungere a Cittadella era quello di migliorare e crescere, e posso ritenermi soddisfatto dell’esperienza”.

L’attaccante è in prestito dal Milan ma non ha ancora pensato a cosa potrà succedere nei prossimi mesi: “È ancora prematuro parlarne perché davvero non ci sto proprio pensando. Abbiamo un campionato da concludere, tanto da giocarci ancora, e preferisco concentrarmi solo a quello che potrà fare il Cittadella in questo finale di torneo. Poi a bocce ferme faremo tutti i ragionamenti possibili. Non stiamo vivendo un momento tanto positivo, i risultati ci dicono questo. Comunque vivendo la squadra ogni giorno posso garantire sulla bontà del nostro gruppo, ci sono professionisti che hanno grande voglia di fare e di lavorare. Questi sono i valori che alla distanza pagano sempre. Se penserà ad allenarsi con impegno come sta facendo, il Cittadella alla fine sarà premiato. Le soddisfazioni arriveranno perché ce le meritiamo. Con il Chievo ci giochiamo tanto. In questo momento siamo tutte vicine in classifica, di conseguenza riuscire a fare un risultato pieno gioverebbe tanto per il morale e per la volata finale. Dobbiamo concentrarci su di noi e basta. Nel girone di ritorno tante squadre stanno facendo bene, ma il futuro è nelle nostre mani ed è la cosa più importante. Non dobbiamo dipendere da nessuno, e se faremo il nostro dovere raccoglieremo i frutti di tanto lavoro”.

bonus
Malato di calcio, scrivo per Pianeta Serie B, TuttoPescaraCalcio e MondoPrimavera. Speaker radiofonico su Radio Centro Web.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.