Pordenone, Matteo Lovisa: “Le partite in casa le giocheremo alla Dacia Arena di Udine. L’obiettivo è la salvezza”

LOVISA PORDENONE – Matteo Lovisa, giovane responsabile dell’area tecnica del Pordenone, ha parlato ai microfoni di GianlucaDiMarzio.com. Ecco le sue parole:

“Ne abbiamo fatta di strada. I campionati si vincono con pazienza, capacità di pianificare e spirito di squadra. E i fatti ci hanno dato ragione”. 73 punti, nessun ko in trasferta, primo posto nel girone B. Sabato è arrivato anche il trionfo in Supercoppa di Serie C: per il Pordenone è l’annata dei record. “Nella mia testa già da gennaio avevamo capito di aver per le mani qualcosa di grande: non siamo intervenuti sul mercato perché eravamo convinti di essere la squadra…più squadra di tutte, se non la più forte. C’è grande differenza tra fare bene e vincere. Che è difficilissimo, soprattutto in questa categoria. Ci sono tante squadre che è da tanti anni che ci provano e con budget nettamente diversi dal nostro. Quindi il percorso che abbiamo fatto vale ancora di più”. Il segreto del Pordenone? “Sicuramente un progetto di lungo termine, portato avanti da tanto. E poi in questa stagione abbiamo trovato un allenatore che sa il fatto suo. Tesser ci ha trasmesso la mentalità giusta, non è un caso se il salto di qualità l’abbiamo fatto con lui. E il nostro andamento in trasferta penso che testimoni l’equilibrio che siamo riusciti a trovare come squadra”.

“Giocheremo le nostre partite casalinghe alla Dacia Arena di Udine: uno stadio grande e moderno. Sono sicuro che i nostri tifosi si faranno volentieri mezz’ora di macchina in più pur di vedere il Pordenone in Serie B. L’obiettivo sarà per prima cosa la salvezza: faremo qualche accorgimento tecnico, ma l’entusiasmo di questa squadra va preservato””

Classe '96. Sono un appassionato di calcio a 360°. Questo sport è il vero e proprio "oppio" dei popoli ed io di certo, non mi sottraggo alla sua forza magnetica. La Serie B è un campionato difficile ma incredibilmente divertente, e poterne scrivere, grazie a questa redazione, mi rende orgoglioso.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.