Frosinone, Grosso: “Vogliamo aumentare il margine sulla zona play-out”

GROSSO FROSINONE PLAY OUT – L’allenatore del Frosinone Fabio Grosso ha analizzato il pari per 1-1 col Cittadella in conferenza stampa.

Queste le sue dichiarazioni, raccolte da TuttoFrosinone.com:

“Il momento che attraversiamo sicuramente non aiuta, questa è una squadra che va in campo e cerca di dare tutto. Le situazioni di gioco e gli episodi purtroppo non ci stanno aiutando e mi auguro che presto questa cosa possa cambiare perché abbiamo bisogno di un click che ci sostenga tutto il lavoro che facciamo durante la settimana e che i ragazzi svolgono bene. Abbiamo giocato una partita difficile anche perché non è certo semplice quando si arriva da un tempo così lungo senza vittorie.

Abbiamo avuto un’occasione con Zampano, siamo andati sotto alla prima palla importante per loro, poi c’è stata la possibilità di rimetterla in equilibrio e non ci siamo riusciti su un calcio di rigore. Certe cose potrebbero buttare giù definitivamente una squadra e invece siamo rimasti in gara, rientrando in campo con energia, pareggiando e cercando di vincerla anche se non con grande ordine e qualità ma con grandissima generosità.

Penso che le risposte sono tutte nella mia prima frase. Ci serve un qualcosa che ci venga a favore. Non è facile nella situazione in cui ci troviamo, però sono fiducioso perché la squadra lavora molto bene. Ma sente la responsabilità di questo momento, sono tutti ragazzi in gamba che stanno dando tutti il massimo. Mancano poche giornate, abbiamo poco margine sulla zona play-out, vogliamo aumentarlo più che tenerlo. Peccato perché avremmo meritato di più.

Novakovich è un giocatore importantissimo per la squadra. Ha un problema dall’inizio del campionato, a Salerno ha sentito il riacutizzarsi del problema, ha fatto tanto antidolorifico per non mancare, ho cercato di non impiegarlo nella speranza che per la prossima gara stia un po’ meglio. Ho atteso a far entrare Parzyszek perché comunque avevamo la gestione della gara, c’erano dei giocatori offensivi non al top della condizione fisica ed avevo paura di spaccare la squadra. Sarebbe stato troppo rischioso farlo, poi quando siamo rimasti con un uomo in più l’ho messo subito e peccato non aver creato altre occasioni da rete.

Io cerco di fare sempre le scelte migliori. Ripeto quello che ho detto all’inizio: oggi tutti hanno dato tutto e non siamo sorretti da un momento favorevole che ci permette di esprimere prestazioni di qualità che questa squadra è in grado di fare, ma sono convinto che col lavoro riusciremo a tirarci fuori da questa situazione. Se faccio giocare Iemmello è perché è in grado di farlo. Peccato perché il discorso generale scivola anche nel personale e nel particolare perché se avesse fatto gol sarebbe stata per lui una boccata di fiducia che in questo momento serve a lui e a tutta la squadra per esprimersi al meglio.

Ho cercato di mettere i giocatori che pensavo potessero essere i migliori per questa gara. A tratti abbiamo fatto buone cose. E secondo me c’era un rigore ancora prima di quello che ci è stato poi concesso. Non siamo bellissimi, le teste non sono libero. Ma sono convinto che in questo finale faremo i punti che ci servono per tornare a guardare avanti con fiducia.”

bonus
Studente di filosofia a 360 gradi, convinto che lo sport ed il calcio forniscano una chiave di lettura per interpretare la vita. Appassionato di scrittura, in qualsiasi sua forma, convinto che ogni campo da gioco sia terreno fertile per la letteratura.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.