Cosenza, Goretti: “Grande sfida. Ora abbiamo 5 giocatori a disposizione, servirà calma”

GORETTI COSENZA SFIDA – Il neo-ds dell’appena riammesso in Serie B Cosenza si è presentato a stampa e tifosi nel corso della prima conferenza stagionale.

Ecco le sue parole:

“Ci tengo a ringraziare tutte le persone che hanno aiutato questa società a vincere questa battaglia estiva: dalle istituzioni, al sindaco, passando per gli avvocati e i tifosi. Bisogna fare un plauso alla perseveranza del nostro presidente. Ha vinto grazie al rigore, la trasparenza e la correttezza nella gestione della società. Mi riconosco in questi valori. 

Ci troviamo di fronte una grande sfida, molto stimolante. Due sono i punti da tenere a mente tutti noi: società, squadra, stampa, tifosi. Dobbiamo innanzitutto avere consapevolezza della scorsa stagione, degli errori. Io sono retrocesso dopo quattro playoff, conosco le dinamiche che influiscono su stagioni del genere. Il secondo aspetto è avere consapevolezza di dove siamo e da dove partiamo: all’inizio saranno fondamentali unione e armonia che sopperiranno alle difficoltà. Siamo a 9 giorni dalla Coppa Italia e a 17 dal campionato. Siamo in ritardo, con 7 giocatori sotto contratto dei quali due infortunati, che saranno assenti per le prime gare. Dobbiamo essere realisti. 

Saremo incompleti almeno fino alla seconda partita di campionato. Servirà calma. L’allenatore sarà il punto di partenza, iniziamo con più di un mese di ritardo ma non deve essere un alibi. Non dobbiamo aver paura di nessuno. Mi prenderò le mie responsabilità dal punto di vista tecnico. 

Le possibilità di rinvio sono infinitesimali. Abbiamo quattro o cinque ragazzi della Primavera che si sono messi in mostra, avranno la loro opportunità. Il budget va rispettato e questa cosa deve essere compresa anche dal tifoso. Con le nostre forze dobbiamo ottenere gli obiettivi prefissati. Il presidente voleva farmi un contratto triennale, ho chiesto io un anno. Questa è una garanzia, l’ho fatto anche negli anni precedenti a Perugia. Mi piace lavorare con un anno di contratto, per me è una garanzia sul lavoro, per la stima e la fiducia che il presidente deve avere in un dirigente che è il motore della parte sportiva. Per me è importante in questi 27 giorni di lavoro per la costruzione della squadra e nei mesi successivi impostare qualcosa che apra a un nuovo ciclo per il Cosenza. 

Sarà una squadra giovane, mi piace lavorare con loro. I sei campionati di B con il Perugia, il gruppo aveva un’età media tra le più basse della categoria. I giovani hanno bisogno di guide e ci sarà bisogno di due o tre giocatori di esperienza e carisma. Vedremo cosa ci riserverà il mercato. Il tempo è quello che è. Un esempio in questo senso lo ha dato il Milan, un modello anche per le categorie inferiori. Giocatori come Ibrahimovic e tanti giovani. L’allenatore arriverà al massimo tra due o tre giorni.

Se andremo a prendere giocatori over 30 sarà importante l’aspetto umano anche e più di quello calcistico. Chiunque passa a Cosenza, anche miei compagni che sono stati qui, mi hanno detto che sarà una sorpresa, e poi parla della tifoseria. Di grande calore, che può fare la differenza.

Negli ultimi anni secondo me le migliori stagioni del Cosenza hanno visto la difesa a tre. Io sono convinto che in un determinato posto funzioni un certo tipo di calcio. E io credo che in questa stagione sia giusto puntare a un allenatore che abbia delle certezze sulla difesa a tre. Può essere giudicata una cosa intelligente o stupida, ma questa è la verità.

Al presidente Guarascio ho detto che mister Occhiuzzi per larghi tratti aveva offerto un calcio interessante. Ma il presidente voleva discontinuità e quindi abbiamo deciso di cambiare. Vedremo di dare discontinuità anche sul gruppo, a oggi l’idea è quella di non richiamare i giocatori dell’anno scorso. Quelli sotto contratto non si toccano, ripartiamo da loro, saranno la base per la nuova stagione. Sui giovani, come detto ce n’è qualcuno interessante, in base alle decisioni del mister vedremo chi confermare in prima squadra.

Molte operazioni si perfezionano negli ultimi giorni di mercato ma noi non possiamo aspettare tanto, quindi avremo possibilità ristrette. Il nostro obiettivo e arrivare al match con l’Ascoli nelle condizioni di poter andare lì a vincere.

Il gruppo sarà formato da 17/18 giocatori da prima squadra e poi giovani provenienti dalla Primavera o alla prima esperienza tra i professionisti. Fortunatamente dopo la fine del mercato ci sarà una sosta e in quelle due settimane arriveremo a un numero di giocatori adeguato.”

Studente di filosofia a 360 gradi, convinto che lo sport ed il calcio forniscano una chiave di lettura per interpretare la vita. Appassionato di scrittura, in qualsiasi sua forma, convinto che ogni campo da gioco sia terreno fertile per la letteratura.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.