Il Brescia recupera il Frosinone in extremis. E’ spettacolo allo “Stirpe”, 2-2 il finale

FROSINONE – BRESCIA

Allo “Stirpe” va in scena la sfida fra Frosinone e Brescia, anticipo della 5a giornata del campionato di Serie B. C’è entusiasmo tra i ciociari dopo i quattro risultati utili consecutivi ottenuti in questo avvio di campionato. La squadra di Grosso è reduce dall’importante successo esterno sul campo del Como e intende confermare l’ottimo stato di forma. Un po’ di delusione tra le Rondinelle dopo la vittoria sfuggita contro il Crotone. La Leonessa, infatti, ha visto sfuggire la quarta vittoria consecutiva a causa di una straordinaria prestazione dell’attaccante pitagorico Mulattieri. Adesso, gli uomini di Inzaghi, dovranno prestare maggiore attenzione per conservare o migliorare il secondo posto in classifica.

PRIMO TEMPO

E’ il Brescia la prima squadra ad avere una buona occasione per sbloccare l’incontro: al 5′, sugli sviluppi di un cross di Van de Looi, Moreo svetta di testa e trova la deviazione decisiva del difensore Szymiński, palla fuori di poco dallo specchio. Il Frosinone reagisce con un’azione in contropiede che porta la firma del tandem CanottoCiano, con quest’ultimo che non riesce ad agganciare il pallone per tentare la conclusione. Al 12′ passano in vantaggio le Rondinelle: grande apertura a destra di Van de Looi a destra in direzione di Léris che, dopo aver superato la marcatura di Cotali, riesce a sfornare un preciso assist rasoterra che trova la deviazione vincente sottoporta di Bertagnoli. La gara diventa vivace con le due squadre che tentano di elevare la propria indole offensiva nelle rispettive aree avversarie. Al 20′ ci prova Ricci con una botta da fuori, ma Joronen è attento. Boloca, invece, a pochi metri dalla porta avversaria, perde il tempo e non riesce ad impensierire il portiere avversario. Al 33′, sugli sviluppi di un calcio di punizione, Zampano insacca il pallone in rete con uno strepitoso tiro al volo da fuori area, ma l’arbitro annulla tutto a causa della posizione offside di Gatti, capace di disturbare la visuale di Joronen. Al 38′ i ciociari arrivano al pareggio con una spettacolare azione orchestrata da Garritano e Canotto, con quest’ultimo abile a servire Zampano dalla destra, permettendogli di insaccare a pochi passi dalla porta. Questa volta l’esterno canarino può gioire! Passano poco più di cinque minuti e il Frosinone passa in vantaggio: bordata di Ricci, Joronen respinge sui piedi di Canotto che prova a ribadire il pallone in porta una prima volta, senza successo, per poi rifarsi al secondo tentativo, complice il brutto colpo accusato dall’estremo difensore finlandese. Dopo due minuti di recupero, termina un primo tempo ricchissimo di emozioni.

SECONDO TEMPO

Il Brescia torna in campo con l’intento di recuperare lo svantaggio. Palacio si proietta più volte in avanti, ma viene sovrastato fisicamente dai difensori ciociari. Non una delle migliori serate per l’esperta punta argentina. Il Frosinone continua a regalare sprazzi di buon calcio: Boloca premia l’inserimento di Tribuzzi che va ad un passo dalla gioia della rete, negata dall’intervento di Joronen. Le Rondinelle tentano l’assedio, ma faticano a sfondare il muro ciociaro. Forcing della Leonessa: al 74′ il neo entrato Bajić, servito da Moreo, conclude in diagonale sfiorando di pochissimo il palo alla sinistra di Ravaglia. Il Brescia riesce a trovare la rete del pareggio al 90′ minuto: cross dalla destra di Pajač, uscita maldestra del portiere Ravaglia, con Moreo che spizzica di testa in avanti, riuscendo poi a ribadire il pallone in rete, rendendo vano l’intervento in extremis di Szymiński. Il quarto uomo segnala cinque minuti di recupero. Nessuna delle due squadre riesce a prevalere sull’altra e l’arbitro Dionisi fischia la fine del match.

FROSINONE-BRESCIA 2-2: IL TABELLINO

Marcatori: 11′ Bertagnoli (B), 38′ Zampano (F), 43′ Canotto (F), 90′ Moreo (B)

FROSINONE (4-3-3): Ravaglia; Zampano, Gatti, Szymiński, Cotali; Rohdén (dal 55′ Tribuzzi), Ricci 7, Boloca (dall’86’ Gori); Canotto (dal 55′ Cicerelli), Ciano (dal 72′ Charpentier), Garritano (dal 72′ Lulic). Allenatore: Grosso.

BRESCIA (4-3-3): Joronen; Matějů, Cistana, Mangraviti (dal 46′ Chancellor), Pajač; Bisoli (dal 46′ Jagiello), Van de Looi, Bertagnoli (dal 72′ Bajić); Léris (dal 63′ Tramoni) Moreo, Palacio (dall’82’ Ndoj). Allenatore: Inzaghi.

Arbitro: Sig. Dionisi di L’Aquila

Ammoniti: Canotto (F), Zampano (F), Ciano (F), Cistana (B), Charpentier (F), Cotali (F), Chancellor (B).

Nato a Palermo nel 1996. Laureato in Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni presso l'Università degli Studi di Palermo e studente specializzando in Televisione, Cinema e New Media alla IULM.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.