ESCLUSIVA PSB – Pablo Rodriguez piace in B, ma l’attaccante vuole restare a Lecce

PABLO RODRIGUEZ LECCE – In procinto di cominciare la sua terza stagione in Italia, siamo in grado di fornirvi in esclusiva gli ultimi aggiornamenti in merito al futuro di Pablo Rodriguez, attaccante in forza al Lecce.

Il Lecce spinge per la cessione

Nel gioco di posizioni delle parti, quella del club punta alla cessione del ragazzo, perché le richieste tecniche dell’allenatore puntano verso profili differenti. Uno di questi pare essere Colombo, che in due stagioni di Serie B ha segnato un gol in meno di Rodriguez.

La volontà di Pablo

Nonostante il poco spazio avuto nell’ultima annata, Pablito ha comunque avuto modo di mettere in mostra le proprie (purissime) qualità tecniche e tattiche, che ne hanno fatto un punto di riferimento per la piazza. Rapporto simbiotico quello creatosi tra il ragazzo è la città: amore, rispetto e tanto altro. Pablo ama Lecce e il Lecce, non ha assolutamente intenzione di andare via perché non si vede in un altro progetto. Non a caso sta rifiutando le diverse proposte pervenutegli, come spiegheremo a breve. La volontà del classe 2001, dunque, è chiara: restare in Salento.

Le richieste

Come detto, il calcio di Pablo ha comportato la fioritura di diversi interessamenti: SPAL, Parma, Gijon, Málaga, oltre a una sirena dalla massima serie croata. Compagini che intavolerebbero volentieri una trattativa per l’ex Real Madrid, fortemente desideroso di restare in giallorosso.

Da sottolineare altri due temi riguardanti Pablo: la possibilità di giocarsi le proprie carte complì e la partenza di Coda e, considerazione meramente commerciale, la possibilità di massimizzare le entrate che il ragazzo genererebbe grazie agli importanti sponsor con i quali collabora (come Adidas).

Seguiranno aggiornamenti, ma una sottolineatura può già essere definitiva: Pablo Rodriguez vuole continua a essere l’idolo del Lecce e di Lecce.

 

Classe '96, Laureato Magistrale in Economia Aziendale con una tesi sulla Corporate Governance delle società calcistiche, italiano di nascita ma cittadinanza napoletana, appassionato di calcio a tal punto che la prima parola detta pare sia stata "Gol" invece di papà o mamma. Quando ho tempo scrivo, o almeno ci provo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.