Pokerissimo Strega: al ‘Vigorito’ Benevento-Pisa finisce 5-1

benevento

BENEVENTO PISA CRONACA – Per il Benevento è l’ultima chance di poter agganciare il treno promozione diretta. Per il Pisa invece la possibilità di poter guidare la classifica e alimentare il sogno Serie A: al ‘Vigorito’ il big match della 32^ giornata tra sanniti e toscani. Caserta torna al 4-3-3 e dovrà fare a meno di Glik e Lapadula infortunati durante i rispettivi impegni in Nazionale, oltre a Foulon. Barba rientra al centro della difesa, Elia basso a destra con Letizia che scivola a sinistra. A centrocampo il ritorno di Calò, tridente Insigne-Forte-Improta. Per D’Angelo 4-3-1-2 e nove undicesimi di formazione confermati: squalificati Marin e Lucca, dentro Mastinu e Benali sulla trequarti dietro alla coppia Torregrossa-Sibilli.

Trascorso nemmeno un minuto dal fischio d’inizio, la prima conclusione in porta è di marca toscana con Sibilli che in area sfodera un sinistro facilmente neutralizzato da Paleari. Un minuto dopo risponde subito il Benevento: break a centrocampo di Acampora che porta palla e scarica il mancino dal limite impegnando Nicolas in corner. E’ il preludio al gol della Strega: Birindelli allontana male il servizio di Insigne favorendo Ionita che a botta sicura fulmina l’estremo nerazzurro. Inizio scoppiettante al ‘Vigorito’: rispondono subito gli ospiti ancora con Sibilli che crossa e colpisce la traversa. Dalla bandierina, Leverbe al 9′ chiama Paleari al grandissimo intervento: torsione di testa, il portiere giallorosso con un bel colpo di reni si rifugia in angolo. Toscani in maglia verde che premono alla ricerca del pari: ci prova Birindelli da buona posizione dopo l’uscita a smanacciare di Paleari, pallone alto. Al 18′ occasione per i padroni di casa: Letizia scodella sul secondo palo per la testa di Insigne che trova l’opposizione di Nicolas. Al 25′ rasoterra di Beruatto dal versante di centrosinistra, Paleari blocca in sicurezza. Mezz’ora di gioco: Letizia serve Forte che apparecchia per Insigne ma il suo tiro è sbilenco. Due minuti dopo però la Strega serve il raddoppio: recupero di Improta a centrocampo, scatta Acampora che si porta sul fondo, salta Leverbe e spara al centro trovando la deviazione in rete di Caracciolo. Al 43′ Forte va vicino al tris per il Benevento con un colpo di testa che fa la barba al palo. L’intensa prima frazione si chiude con lo spavento per lo scontro in area tra i compagni Nicolas e Mastinu, per fortuna nulla di grave.

Ripresa che si apre come i primi 45 minuti, con la Strega che archivia definitivamente la pratica grazie al tris di Improta, beccato perfettamente di testa da Robertino Insigne. Sono trascorsi tre minuti dall’inizio della seconda frazione e per il Pisa la gara si complica ulteriormente. Birindelli successivamente prova a dare la scossa ma il suo mancino da posizione angolata non preoccupa Paleari. Al 54′ Ionita serve Forte a centro area, ma il suo colpo di testa è alto. Triplo cambio per D’Angelo al 58′: dentro Touré, il grande ex Puscas e Marsura, fuori Benali, Torregrossa e Mastinu. Pisa alla ricerca della scossa: Beruatto lotta con Elia, riesce a servire in mezzo, carambola per Sibilli che da buona posizione si vede deviare la conclusione in angolo. Prima sostituzione al 62′ anche per il Benevento: entra Tello, esce Insigne. Risponde la Strega: ancora un break di Acampora che taglia il campo, serve Forte che calcia da posizione favorevole ma Nicolas non si fa bucare sul suo angolo. Al 24′ i sanniti calano il poker con lo squalo Francesco Forte che respinge di testa un cross di Improta: azione nata da un’intercettazione dell’ex Venezia bravo a rubare palla a Touré. Successivamente entra Masucci al posto di Sibilli nel Pisa. Ancora Benevento: punizione di Calò dai venticinque metri che si spegne sul fondo e secondo cambio operato da Caserta, con Moncini che sostituisce il migliore in campo Ionita. Si passa così al 4-4-2. Gara in ghiaccio per i giallorossi e che così scivola via. Anche Caserta opta un triplo cambio: fuori Acampora, Improta e Forte, dentro Gyamfi, Farias e Petriccione. Finale ancora interessante: Beruatto con un tirocross su punizione quasi beffa Paleari che ci mette i guantoni. Scatta il contropiede e Nicolas mura Moncini a tu per tu. Non è finita, il Pisa alla fine riesce a timbrare il cartellino con l’ex George Puscas bravo a battere al volo il portiere giallorosso sul filo del fuorigioco. Nemmeno il tempo di esultare che i sanniti ristabiliscono le distanze con Tello che trafigge l’estremo toscano con un bel destro al volo. Si chiude così il big match del ‘Vigorito’: il Benevento con un clamoroso exploit frena la corsa del Pisa, scivolato momentaneamente al terzo posto fallendo l’aggancio alla vetta.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.