Reggina, Aglietti: “La classifica è bella, ma restiamo con i piedi per terra”

AGLIETTI REGGINA COSENZA – Alfredo Aglietti, allenatore della Reggina, ha parlato a seguito della vittoria ottenuta nel derby contro il Cosenza. Ecco quanto apprendiamo da citynow.it: “Tutti hanno giocato una buona partita e non era facile a Cosenza contro una squadra che nelle partite giocate in casa aveva sempre vinto e pareggiato solo una volta. La gara è stata gestita bene, ai ragazzi avevo chiesto pazienza e siamo tornati ad essere cinici.

Stasera è bello guardare la classifica, siamo tutti contenti, noi, i nostri tifosi, ma è necessario rimanere tutti con i piedi per terra perché il campionato è lungo e difficile. Due attaccanti perché ce la volevamo giocare con i cross per loro due e sono stati bravi a riempire l’area di rigore. Galabinov l’ho tolto perché era stanco, Montalto ha fatto gol e speriamo che il suo infortunio non sia grave, Tumminello ci ha dato una mano.

Esclusioni eccellenti? Non credo, le scelte su chi gioca le faccio durante il corso della settimana, l’ho già detto in conferenza in maniera chiara. Tutti partono alla pari, questo è un gruppo importante e le scelte si fanno in base a quello che si vede nel corso degli allenamenti. Siamo una buona squadra, ma in questo campionato ce ne sono tanteCortinovis è un giocatore intanto di grande personalità, non ha alcuna paura e non si fa intimidire e ripeto, ritengo possa fare anche il mediano. Se gestito bene può fare una grande carriera.

Adesso andiamo alla sosta contenti, avremmo firmato tutti per trovarci qui a questo punto del torneo. La pausa ci servirà per rifiatare con la speranza di poter ripartire contro la Cremonese con tutti gli effettivi, compreso Rivas che io ritengo un calciatore molto importante per noi. Non voglio fare la parte di quello che getta acqua sul fuoco, ma dobbiamo solo continuare a lavorare perchè il campionato non finisce oggi e bisogna giocarlo sempre al cento per cento“.

Classe '96, Laureato Magistrale in Economia Aziendale con una tesi sulla Corporate Governance delle società calcistiche, italiano di nascita ma cittadinanza napoletana, appassionato di calcio a tal punto che la prima parola detta pare sia stata "Gol" invece di papà o mamma. Quando ho tempo scrivo, o almeno ci provo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.