11 Maggio 2024

Lecco, Aliberti: “Di Nunno mi ha garantito che pagherà gli stipendi, pronto a comprare il club ma non da solo”

Intenzioni che paiono serie

Calcio Lecco 1912

Aniello Aliberti, vicepresidente di Confindustria Bergamo, è il nuovo credibile imprenditore pronto a rilevare il Lecco. Presente allo stadio per il match col Modena, ha rilasciato un’intervista a Laprovinciaunicatv.it.

“Al di là del risultato, vedere uno stadio così pieno in una partita senza motivazioni e con la squadra già retrocessa, mi è parsa una bellissima cosa. Invece dal sindaco ho ricevuto “picche”: mi ha detto che per lo stadio, che è di proprietà del Comune, e può fare solo opere di manutenzione ordinaria e straordinaria. Le opere che sono state fatte da Di Nunno esulano dai doveri del Comune. Ho preso atto.

Di Nunno mi ha detto che manterrà la scadenza dei pagamenti di marzo e aprile che è la “condicio sine qua non” per garantire l’iscrizione in C e non finire come otto anni fa, falliti. Quando ci sarà il via libera per l’iscrizione, e con le carte in mano, mi dovrà aggiornare i conti che stiamo verificando insieme e mi dovrà dire, per iscritto, quanto vorrà per il Lecco. La richiesta scritta sarà necessaria, visto che cambia abbastanza repentinamente idea e io ho bisogno di avere certezze, non dubbi.

Vorrò sapere chi è disponibile a restare. E poi ho chiesto se ci sono imprenditori dall’1 al 51 per cento. Sono aperto a tutti. Io da solo non farò l’operazione. È una questione non solo di costi. Infatti prevedo di avere due stagioni di perdite secche, prima di riuscire a salire. Ma a Lecco manca poi tutto un lavoro di organizzazione, almeno rispetto ad altre società. I Di Nunno hanno fatto grossi sforzi, ma al di là della parte sportiva, che sceglieremo, manca tanto: tutti devono rispondere di quel che fanno in società. Ruoli distinti e chiari per tutti. Invece ci sono un po’ di discrepanze nella gestione della società. Non voglio certo fare il professorino, ma certe cose vanno gestite meglio.

Ricevuta la certezza dell’iscrizione al campionato di serie C, il 4 o 5 giugno. Avuto l’Ok dell’iscrizione, dipenderà poi da chi vorrà partecipare, dagli sponsor, e fondamentalmente da quanto chiederà Di Nunno. Un giorno dice che ha perso tre milioni, un altro ancora che regala la società… Stiamo verificando i conti. Mancheranno poi gli stipendi dei mesi di maggio e giugno. Ma ci penserà chi rileverà la società, o, meglio, se ne parlerà insieme in sede di trattativa finale. Anche perché c’è la fidejussione di 800mila euro da escutere, nel caso non pagasse le ultime due mensilità. L’importante è essere iscritti». E l’imprenditore cinese Lin? «Io gli ho detto chiaramente che su di lui non ho problemi. Ma ieri ho visto allo stadio anche lo striscione “Bizzout”, sulla presenza, interna o esterna, di Bizzozero con lui. Io non conosco questo signore. Ma non posso arrivare a Lecco già con una contestazione sulle spalle. Per cui non voglio, anzi non posso permettermi, legami con gente non gradita ai tifosi, senza entrare nel merito.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 commento

  1. Franco ha detto:

    Il comune risponde picche… buoni solo a salire sul carro come l’anno scorso dopo la promozione…a Mantova dopo la promozione il comune stanzia 2,6 Mil..!!