Spezia, Italiano: “Volevamo entrare nella storia del club”

ITALIANO SPEZIA – Il percorso vissuto dal suo Spezia, promosso in Serie A, non può che aver soddisfatto il tecnico Vincenzo Italiano. Ecco le sue dichiarazioni raccolte da tuttomercatoweb.com: “Le difficoltà iniziali per quanto riguarda i risultati, poi una crescita costante, i giovani esplosi e i risultati che sono arrivati. Alla fine è cresciuta l’autostima, la consapevolezza e siamo riusciti a conquistare questo traguardo fantastico alzando la coppa e regalando un sogno a questa gente che ce lo chiedeva. Entrare nella storia dello Spezia era un traguardo che volevamo ottenere. Alleno da sei anni, un cammino che negli ultimi tre anni mi ha visto gioire con tre play off (Arzignano, Trapani e Spezia NdR) di fila. Ad oggi sono un uomo play off e sono contento di questo perché sono sempre partite difficili da preparare e aver vinto anche questi play off è davvero una grande soddisfazione. Paura? Sapevamo di dover soffrire perché la tensione poteva farci abbassare il baricentro, la posta in palio era altissima e noi siamo una squadra giovane, che non sa gestire il vantaggio, ma il risultato di Frosinone ci ha permesso di avere questo doppio risultato e ce l’abbiamo fatta. Tifosi? Sono straordinari, ci hanno accompagnato in quella semifinale in cui abbiamo fatto un miracolo a ribaltare la gara con il Chievo. E poi oggi ci hanno accompagnato dall’hotel fino a qui, sostenuto per tutta la gara da fuori lo stadio e dedichiamo a loro questa vittoria e questa promozione”.

Classe '96, Laureato Magistrale in Economia Aziendale con una tesi sulla Corporate Governance delle società calcistiche, italiano di nascita ma cittadinanza napoletana, appassionato di calcio a tal punto che la prima parola detta pare sia stata "Gol" invece di papà o mamma. Quando ho tempo scrivo, o almeno ci provo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.