Federazione calcistica polacca, Boniek: “Dzcizek è in buone mani, abbiamo fiducia nello staff della Salernitana. Adesso bisogna trovare la causa del problema”

FEDERAZIONE POLACCA BONIEK DZCIZEK – Il presidente della Federazione calcistica polacca Zibigniew Boniek, è intervenuto sulla vicenda che ha coinvolto l’ex capitano della Nazionale polacca Under 21 Patryk Dzcizek. Queste – rilasciate a Il Mattino e poi riportate da salernitananews.it – le sue parole:

Prima di tutto c’è bisogno che il ragazzo si riprendi completamente. Patryk è in buone mani, abbiamo fiducia nello staff della Salernitana e nei medici che lo hanno preso in cura. Poi bisognerà individuare la causa di questa disfunzione e capire se c’è la possibilità di porre rimedio. Con la vita non si scherza. Tutto ciò non è normale, ma ricordo che durante la prima manifestazione di questo problema, vennero fatti tutti i controlli del caso e fu escluso ogni tipo di problema cardiaco. Patryk in quel periodo serviva anche alla Nazionale ed escludemmo problemi cardiaci. Non è giusto dire perentoriamente che Dziczek non può più giocare, perché se si individua il problema si valuta anche come risolverlo. Ma trovo rischioso riprendere finché ciò non avverrà, io ci starei molto attento. È meglio che non ci sia una terza volta.”

bonus
Salve, sono Oriolo Demetrio. Ho ventidue anni e mi sono diplomato al Liceo Classico. Sono un grandissimo appassionato di sport e seguo in particolar modo il calcio. Seguo con molto interesse le questioni politiche, di cronaca e d'attualità che riguardano il nostro paese. Gioco a calcio livello dilettantistico nella squadra del mio paese e sono un assiduo frequentatore della palestra. Ossessionato dalla letteratura, mi cimento nella scrittura di tutto ciò che i miei occhi e i miei sentimenti captano. Amo scrivere per rifugiarmi in posti da me creati.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.