ESCLUSIVA PSB – Russo de Cerame: “Totalmente estraneo all’acquisizione dell’Ascoli: ecco come stanno davvero le cose”

Nella giornata di ieri, avrete avuto modo di leggere la notizia da noi lanciata circa il possibile cambio di proprietà dell’Ascoli. Nel nostro articolo, veniva citato Davide Russo de Cerame come potenziale acquirente del club marchigiano. Ebbene, è nostra volontà smentire quest’ultimo passaggio, dato che Russo de Cerame è un noto giornalista, vero autore della notizia citata nell’apertura di quest’articolo. Errore totalmente in buona fede, il nostro. Abbiamo raggiunto in esclusiva proprio Russo de Cerame, al quale ribadiamo ulteriormente le nostre scuse per le difficoltà arrecate.

Davide, ieri hai lanciato la notizia di un possibile cambio di proprietà in casa Ascoli. Puoi dirci qualcosa in merito?

“Non posso aggiungere nulla a quanto già scritto sui miei social ufficiali. La notizia è quella: un imprenditore facente capo ad un gruppo che opera tra Svizzera e USA, e che ha già operato nel calcio come sponsor, ha formulato un’offerta per l’acquisizione dell’Ascoli”.

Dopo aver nominato, due anni or sono, Andrea Cardinaletti come amministratore unico, come mai Bellini starebbe decidendo di lasciare definitivamente l’Ascoli dopo quattro anni?

“Credo perché si sia stufato. È evidente come non abbia avuto le soddisfazioni che desiderava dal mondo del calcio. Parliamo di un imprenditore dalla considerevole disponibilità economica, che ha investito cifre importanti nell’Ascoli ed è rimasto deluso dai risultati sportivi della squadra, anche quest’anno gravitante in posizioni poco nobili della classifica”.

Con che intensità dovrebbe avvenire quest’operazione? Passaggio totale delle quote di Bellini all’acquirente oppure si tratterebbe di una dinamica più graduale?

“Totale, assolutamente. Bellini venderebbe la totalità delle quote societarie”.

RIPRODUZIONE CONSENTITA PREVIA CITAZIONE DELLA FONTE

Classe '96, Laureato Magistrale in Economia Aziendale con una tesi sulla Corporate Governance delle società calcistiche, italiano di nascita ma cittadinanza napoletana, appassionato di calcio a tal punto che la prima parola detta pare sia stata "Gol" invece di papà o mamma. Quando ho tempo scrivo, o almeno ci provo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.