Monza, Dany Mota: “Brocchi è il top, possiamo andare in Serie A”

DANY MOTA MONZA – Dany Mota, attaccante del Monza, è stato raggiunto dai microfoni di Sportitalia. Di seguito le dichiarazioni riprese da tuttomonza.it: “Oggi vincevamo 2-0 nei primi 25 minuti poi forse abbiamo mollato un po’ ed è andata storta. L’autogol di Paletta? Purtroppo fa parte del gioco. Siamo partiti bene, abbiamo iniziato bene facendo due gol, poi abbiamo mollato e nel secondo tempo non ci siamo ripresi. In casa generalmente andiamo bene e dovevamo fare meglio, loro ci hanno creduto di più ed è andata così. La Nazionale maggiore? A marzo ci sono le partite dell’Europeo Under 21, sto facendo bene, se continuo così spero un giorno di arrivare in Nazionale maggiore. È la prima volta che sto giocando da esterno ma mi trovo bene, quando gioco a calcio mi diverto, gioco sempre con il sorriso. So fare sia la prima che la seconda punta, l’importante è giocare e aiutare la squadra. 

Mi avevano hackerato il profilo Instagram, probabilmente dall’Arabia, per fortuna ho recuperato tutto. Siamo in tanti ad ambire alla A, siamo tutti lì, il campionato è ancora lungo, siamo ancora a metà percorso e vedremo alla fine. Balotelli si è inserito benissimo, è un bravo ragazzo, non so quali siano ora le sue condizioni ma non so se ci sarà contro il Brescia. Davanti siamo tanti, lavoriamo tutti bene poi il mister fa le sue scelte. Il mister mi sta scegliendo sempre ultimamente, sto facendo bene quindi sta facendo la scelta giusta (sorride, ndr). Spero di far gol contro il Brescia e magari di vincere. .

Chi mi ha impressionato di più finora? Il Cittadella, da loro è stata una partita tosta tra due squadre offensive, una bella partita, ma mi hanno ben impressionato anche se abbiamo vinto. CR7? L’ultima volta l’ho sentito durante l’ultima convocazione con il Portogallo. Mi ha dato qualche consiglio quando era nella Juve Under 23, lui è il mio idolo da sempre, mi ha detto di lavorare sodo, mi sono allenato con loro, mi ha detto che ho qualità ma non basta, bisogna lavorarci. Mi piace anche Mbappé. 

Brocchi è un allenatore top, se deve dirti qualcosa la dice, sta dimostrando di essere un grande allenatore, i risultati parlano per lui, niente da dire. Abbiamo un gruppo allegro, simpatico, quando c’è da lavorare si lavora, Boateng direi che è uno dei più scherzosi e allegri. Gli piace ballare, cantare, a volte ascoltiamo musica tedesca insieme. Attaccanti forti in B? Direi Gytkjaer e Balotelli. Andare in A? Certo che possiamo andarci, stiamo facendo di tutto, ora arrivano partite difficili ma dobbiamo vincere il più possibile. Galliani e Berlusconi sono persone fantastiche, molto importanti per noi e il calcio in generale. Ho legato molto con Carlos Augusto, in Italia tifo ovviamente Monza e Juventus per Cristiano Ronaldo, all’estero Benfica. Il futuro? Quando squadre come l’Atalanta ti cercano fa piacere, a chi non farebbe? Vuol dire che sto lavorando bene e ora devo dare continuità“.

bonus
Classe '96, Laureato Magistrale in Economia Aziendale con una tesi sulla Corporate Governance delle società calcistiche, italiano di nascita ma cittadinanza napoletana, appassionato di calcio a tal punto che la prima parola detta pare sia stata "Gol" invece di papà o mamma. Quando ho tempo scrivo, o almeno ci provo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.