Da Verona – Un possibile errore del Coni riapre le possibilità per il Chievo che spera nel TAR: i dettagli

CASO CHIEVO ERRORE CONI – emergono nuovi dettagli nella diatriba, divenuta legale, per l’ammissione del Chievo Verona al prossimo campionato di Serie B. Su L’Arena in uscita nella giornata odierna, infatti, si approfondisce una tematica non affrontata sino ad ora che potrebbe ridare speranza ai clivensi.

Il Collegio di Garanzia del Coni – si legge – ha preso le sue decisioni valutando le regole ordinarie e non quelle tributarie: con queste ultime, infatti, il Chievo non vedrebbe decadere il diritto al beneficio del termine in caso di una rata non pagata, meccanismo che si applica nelle regole ordinarie a cui il Coni ha fatto appello. In questa materia ci sono diversi vuoti e la difesa del Chievo proverà ad inserirsi per far valere le proprie ragioni.

L’ERRORE DEL CONI E LE POSSIBILITA’

Possibile errore del Coni, dunque: i punti su cui potrebbe aggrapparsi il Chievo verrebbero approfonditi dal TAR ma il Consiglio Federale ha dato mandato a Gravina di poter decidere anche prima di quest’ultimo. Su L’Arena – si legge – che il Chievo dovrebbe spuntarla se a valere sarà la norma tributaria ma il Coni ha valutato la situazione da un punto prettamente sportivo rifacendosi alle indicazioni della Covisoc.

Il TAR dovrebbe esprimersi il 3 agosto e se quest’ultimo dovesse addentrarsi nella valutazione della situazione anche in ambiti tributari scavalcando quelli sportivi, per il Chievo ci potrebbero essere spiragli sino ad oggi assenti.

Classe '96, amante del calcio e delle sue storie, innamorato della Serie B. Giornalista pubblicista dal settembre del 2020. Laureato in Scienze della Comunicazione.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.