26 Novembre 2021

Perugia, Alvini: “Il Cittadella ha una mentalità vincente, i giocatori sono tutti fondamentali”

PERUGIA ALVINI CITTADELLA – Sabato al Curi si affronteranno Perugia e Cittadella. Dopo le prime tredici giornate le due squadre hanno totalizzato lo stesso numero di punti, venti per l’esattezza. In una classifica corta come quella di Serie B, vincere queste partite sarebbe fondamentale per entrambe le formazioni. Il mister del Perugia Massimiliano Alvini è […]

Photo by Francesco Pecoraro/Getty Images - Via OneFootball

PERUGIA ALVINI CITTADELLA – Sabato al Curi si affronteranno Perugia e Cittadella. Dopo le prime tredici giornate le due squadre hanno totalizzato lo stesso numero di punti, venti per l’esattezza. In una classifica corta come quella di Serie B, vincere queste partite sarebbe fondamentale per entrambe le formazioni.

Il mister del Perugia Massimiliano Alvini è intervenuto in conferenza stampa, riservando parole di stima e rispetto nei confronti del prossimo avversario. Ecco le sue parole riportate da calciogrifo.it:

Sul Cittadella: “Porta avanti un progetto da più anni e c’è da dare loro parecchi meriti per il lavoro fatto da Gabrielli e Marchetti. Con Venturato prima e Gorini ora sono riusciti a costruire una mentalità vincente. Per noi sono un esempi da seguire: essere al pari loro in classifica con un percorso completamente nuovo per staff e giocatori è sicuramente positivo.”

“La sfida penso che si baserà molto su pressione e aggressione da parte di entrambe le squadre. Loro sono dinamici e attaccano bene la profondità. Se diamo il meglio possiamo uscire dal campo con il massimo”.

“Devo vedere le condizioni di Ghion. In mezzo al campo abbiamo dei problemi e devo capire come giocheremo”. Su Kouan: “Giocatore moderno con ampi margini di miglioramento. Può essere carta da partita in corso o partire titolare”.

“Noi stiamo costruendo una mentalità vincente fondata sul miglioramento quotidiano all’antistadio. Nel nostro percorso abbiamo sbagliato l’approccio solo nella trasferta di Como. In carriera non mi era mai capitato di prendere 4 gol in meno di mezz’ora. Ma la squadra è sul pezzo. Dobbiamo capire chi possiamo essere e cosa possiamo fare. Con la vittoria sul Crotone ci siamo guadagnati l’occasione di crescere ancora”.

E sugli impegni ravvicinati: “Non faremo nessun calcolo. I giocatori devono capire che sono tutti fondamentali soprattutto in questo momento. Ora la testa è al Cittadella, da domani sera penseremo al Pisa e via dicendo. Ragioneremo partita dopo partita mandando in campo chi è al meglio e può dare il massimo”.