Venezia, Zanetti: “Sconfitta meritata ma che non sposta il nostro cammino. Avuto 20 minuti di blackout”

ZANETTI VENEZIA BRESCIAPaolo Zanetti, allenatore del Venezia, ha parlato ai microfoni del club della sconfitta interna col Brescia. Ecco le sue parole: “Siamo a parlare di una sconfitta, sono anche poco abituato visto che non perdevamo da due mesi. Questa sconfitta ci sta per quanto visto sul campo: ci sta per 20 minuti del secondo tempo dove abbiamo subito l’impossibile, 4/5 occasioni di fila. Al primo tempo, sino al gol, avevamo fatto una grande partita con un approccio buono. Il Brescia ci ha fatto gol alla prima occasione e non siamo stati bravi a gestire la situazioni di svantaggio: ci siamo allungati tra i reparti ed abbiamo concesso al Brescia troppo. Quando siamo rimasti in 10 abbiamo tirato fuori il carattere provandoci sino alla fine: non ci siamo riusciti ed oggi la palla non voleva entrare. Questa gara però non sposta il nostro cammino, è semplicemente una partita persa dopo un periodo straordinario ed in cui tanti ragazzi hanno fatto il 110%, non mi sento di colpevolizzare nessuno. All’ultimo secondo Forte ha avuto un problema muscolare e speriamo non sia nulla di grave. A centrocampo siamo partiti a 3 perché loro hanno un ottimo palleggio ed ottime capacità sia tecniche che fisiche. Abbiamo provato a rimetterla in piedi ed a spingere un po’ di più, l’inerzia si stava spostando dalla nostra parte. In quei 20 minuti che abbiamo concesso al Brescia si è spenta la luce: non deve succedere più perché potevamo essere puniti ancor di più. Tutte le partite servono per crescere e migliorare: dalle sconfitte dobbiamo portare qualcosa di buono ed imparare”.

bonus
Classe '96, amante del calcio e delle sue storie, innamorato della Serie B. Giornalista pubblicista dal settembre del 2020. Laureato in Scienze della Comunicazione.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.