Il Venezia presenta Poggi e Collauto: le dichiarazioni

In casa Venezia, sono avvenute stamani le presentazioni ufficiali di Mattia Collauto e Paolo Poggi. Nell’occasione ha parlato anche il presidente del Venezia, Duncan Niederauer: “Stiamo lavorando sul futuro tenendo presente che la stagione, ma è un motivo in più per farci lavorare nella direzione giusta. Il nostro obiettivo è quello di mantenere l’ossatura della squadra, ma bisogna tenere presente che ci sono 10 giocatori in prestito e che 3 contratti sono in scadenza. A riprova del fatto che stiamo lavorando sia in entrata che in uscita, la settimana prossima ci sarà qualche annuncio.  Abbiamo fatto cambiamenti nella parte dirigenziale e proposto un nuovo modello di calcio che vogliamo portare avanti. Innanzitutto come sapete bene Fabio Lupo e Armando Ortoli in accordo con la società non faranno più parte della nostra società. Come seconda cosa stiamo parlando con Dionisi e speriamo di trovare un accordo perché lui possa rimanere con noi ancora a lungo e gli stiamo proponendo un ulteriore prolungamento di contratto. ome terza e ultima cosa ho chiesto a Collauto e Poggi di cambiare il loro ruolo all’interno del club. Mattia sarà il ds e Paolo il nuovo responsabile dell’area tecnica. Cambieremo con loro la nostra identità e il lavoro dell’area sportiva. Incrementeremo gli investimenti sul nostro settore giovanile e integreremo il lavoro del settore giovanile con la prima squadra per aumentare e massimizzare i nostri sforzi.  Per questa stagione il nostro obiettivo era quello di mantenere la categoria e di supportare in tutte le maniere per rimanere in Serie B. Il secondo invece,  è quello di rendere più solido finanziariamente più solido. Stadio nuovo? Stiamo cercando partner locali che possano prendere in mano questo progetto, noi lo sosterremo.” Hanno poi preso parola Poggi e Collauto. Ecco le loro parole: “Quando abbiamo capito che Niederauer voleva affidarci questo compito, abbiamo capito che la volontà è quella di creare un gruppo coeso. Chi tifa Venezia deve identificarsi con ambizioni, lealtà e i colori di questa società. Non siamo solo una società di calcio ma rappresentiamo anche una città. Bisogna che la gente sappia che abbiamo dei valori, abbiamo rischiato di perdere il territorio e cercheremo di riconquistarlo mettendoci la faccia come abbiamo sempre fatto.  Per entrare nello specifico non stiamo facendo qualcosa che ci siamo inventati noi, c’è un modello che c’è già in Europa e vogliamo riproporlo anche in questa società.” Collauto ha terminato: “Considero questo passo un’opportunità di sviluppo del mio lavoro per questo club. Daremo seguito al lavoro del settore giovanile. Garantiamo il lavoro, vi garantiremo la quantità e la qualità del lavoro. A Dionisi abbiamo prospettato un adeguamento contrattuale importante e un prolungamento di un anno fino al 30 giugno 2022 e speriamo che anche lui abbia la stessa voglia che abbiamo noi di proseguire questo rapporto. Abbiamo 25 giocatori sotto contratto, 4 in scadenza, 4 prestiti e 6 prestiti con diritto di riscatto. Valuteremo anche la posizione di Longo e Serena merita di giocare per la squadra della sua città.”

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.