SPAL, Tacopina: “Con Venturato condivido fame e ambizione. Clotet? Non era più allineato al progetto”

TACOPINA SPAL VENTURATO CLOTET – Joe Tacopina, patron della SPAL, ha affiancato Mister Venturato nella conferenza stampa di presentazione. Ecco le sue dichiarazioni, riportate da estense.com:

“È un giorno molto emozionante per questo capitolo nella storia della Spal. Ho incontrato Roberto già ai tempi del Venezia e col Cittadella mi aveva già causato ‘problemi’, lo ammiro per come allena la squadrae per l’abilità di tirare fuori il massimo anche da squadre poco costose. È sempre stato un profilo affascinante e se avessi saputo che era disponibile ad inizio anno avremmo tenuto allora questa conferenza. Anche dai nostri giocatori ho avuto risposte positive e la sua storia parla per lui. Oltre che un bravo allenatore è anche una brava persona che tiene veramente ai propri giocatori, i suoi risultati sul campo parlano per lui e ed è arrivato in finale playoff con squadre che altri avrebbero portato a lottare solo per la salvezza.

Come ha convinto il Mister? Ci siamo incontrati faccia a faccia e da subito è stato chiaro che condividiamo la fame e l’ambizione di voler portare in Serie A la Spal.

Clotet? Cambiare allenatore non è stata una decisione presa alla leggera. Io e l’area sportiva abbiamo speso venticinque ore al giorno nell’analizzare la situazione e abbiamo capito di dover agire velocemente e senza esitazione. Come voi sono ossessionato dal vincere e questo e ciò che voglio per la Spal tanto oggi quanto nel suo futuro, questo è un progetto a lungo termine e voglio che continuiamo a crescere inseguendo i nostri obiettivi. Anche a Natale ci siamo confrontati per parlarne ed alla fine abbiamo deciso di cambiare perchè non ritenevamo più che Clotet fosse allineato al progetto, non solo per i risultati sul campo altrimenti avremmo optato per il cambiamento subito dopo Frosinone. Quelle ragioni resteranno interne.

Non penso che sia inusuale ciò che è successo. Ho creduto in Clotet ma le cose cambiano e le persone cambiano, nella mia vita mi sono sempre saputo adattare. Tutto cambia: ci si può impuntare sulle proprie posizioni oppure si può fare ciò che è meglio per la squadra. Direi ancora ciò che ho detto su Clotet in estate, erano affermazioni basate su ciò che credevo e sapevo allora ma a volte le circostanze cambiano.

Sono rimasto sorpreso di aver visto Venturato senza squadra dato che ritengo sia uno dei migliori in Italia, mi ha colpito che non abbia preso la prima offerta che gli capitava ma abbia voluto trovare una realtà corrispondente alle sue ambizioni.

Mercato? Vogliamo un nuovo portiere, un esterno destro ed un centrocampista per il modulo del mister. Questo completerà la nostra squadra che penso sia davvero buona, dobbiamo migliorare la squadra e non comprare tanto per farlo. Faremo altri due o tre acquisti: Finotto si è già allenato molto bene, Meccariello ha l’esperienza per far bene e Pabai ha grande talento. Forse cercheremo anche un ulteriore difensore e Viviani non si muove da qui ma non voglio esprimermi oltre.

Sapevamo cosa stavamo comprando in estate, non è un segreto che ci fossero giocatori non adatti al nostro programma e che non valevano lo stipendio che guadagnavano. Nel complessivo sono contento per la squadra che abbiamo, lo ero a settembre e lo sono ancora oggi. Possiamo essere pericolosi per ogni squadra che ci affronterà. Credo in questa squadra e sul fatto che possiamo fare cose speciali già quest’anno e voglio che anche l’allenatore abbia fiducia in questo, è importante essere sulla stessa lunghezza d’onda. Guardando tutti i vari reparti siamo alla pari con la maggior parte delle squadre, in porta ad esempio elementi come Demba Thiam credo possano essere importanti per il nostro futuro, lo aiuteremo nel suo reparto”.

Classe '96. Sono un appassionato di calcio a 360°. Questo sport è il vero e proprio "oppio" dei popoli ed io di certo, non mi sottraggo alla sua forza magnetica. La Serie B è un campionato difficile ma incredibilmente divertente, e poterne scrivere, grazie a questa redazione, mi rende orgoglioso.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.