GdS – Stadi al 75%: Lecce e Pisa ringraziano, alle altre mancano i tifosi

STADI SERIE B LECCE PISA – Anche in Serie B gli stadi saranno aperti al 75 %. Uno step ulteriore verso il ritorno alla normalità, anche se tornare agli standard pre pandemia non sarà semplice. I dati di affluenza – come evidenzia la Gazzetta dello Sport – delle prime 7 giornate risentono di problematiche condivise: la difficoltà nel fidelizzare con gli abbonamenti (poche società li hanno venduti) e la protesta delle curve (non tutte sono tornate allo stadio).

La piena capienza media, al 50%, non si è raggiunta in nessun caso. I club che ci sono andati più vicini sono due: il Pisa, visti i risultati e l’entusiasmo in città (anche qui con la curva in protesta), e la Spal, vista la decisione delle autorità di ridurre la capienza del Mazza. Dieci club hanno venduto meno della metà dei biglietti disponibili. Colpisce il dato della Cremonese, che non ha raggiunto i 3 mila spettatori di media nonostante il secondo posto: calo ritenuto fisiologico in quanto mancano le 4.400 tessere dell’ultima campagna abbonamenti e per la protesta della Curva. Spera in un cambio di passo il Parma, a partire dalla gara col Monza (biglietti a prezzi popolari dai 5 ai 20 euro).

In controtendenza vanno le piazze trascinate dai risultati. Lecce comanda per la media di presenze (6.546, in uno stadio comunque grandeda riempire): la partita più vista finora è stata quella del Via del Mare con il Monza (8.442 paganti), che cozza con i soli 815 di Pordenone-Reggina; nello stadio di Lignano c’è la media più bassa (1.278), ma per il prossimo match la tifoseria organizzata ha deciso di interrompere la protesta. C’è poi il Frosinone, secondo stadio per media pubblico davanti al Parma. Il Pisa vola: per la prevendita per i 7 mila biglietti contro il Pordenone si prevede una richiesta superiore. Il Cosenza sorride: nel derby col Crotone c’è stato il tutto esaurito con gente rimasta senza biglietto. Silani con la stessa media della Reggina che è più del doppio di quella dei pitagorici.

Tra le iniziative per i tifosi – diverse dagli abbonamenti tradizionali – c’è quella del Vicenza che ha venduto 949 pacchetti per le prossime tre gare in casa con sconto del 25%. Formule simili al vaglio per Benevento e Monza.

Classe '96. Sono un appassionato di calcio a 360°. Questo sport è il vero e proprio "oppio" dei popoli ed io di certo, non mi sottraggo alla sua forza magnetica. La Serie B è un campionato difficile ma incredibilmente divertente, e poterne scrivere, grazie a questa redazione, mi rende orgoglioso.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.