Ascoli, Sottil: “C’è rammarico. Dobbiamo crescere in intensità ma siamo sulla strada giusta”

SOTTIL ASCOLI – Andrea Sottil, tecnico dell’Ascoli, ha parlato nella sala stampa dello stadio “Del Duca” al termine dell’incontro con il Chievo. Ecco le sue parole, raccolte da picenotime.it:

Sono d’accordo sul fatto che abbiamo fatto una buona partita ma no che siamo scesi nella ripresa, anzi abbiamo creato anche occasioni. Dobbiamo migliorare sulle conclusioni e sugli ultimi passaggi. Oggi se c’era una squadra che doveva vincere era l’Ascoli e questo lo ha detto il campo, perchè abbiamo subito pochissimo contro una squadra di alto valore. Abbiamo giocato anche un buon calcio creando qualcosa anche se in fase di finalizzazione dobbiamo crescere. C’è rammarico perche dobbiamo risalire la classifica e dopo il passo falso immeritato di Cittadella abbiamo giocato come sempre per vincere. Abbiamo avuto situazioni stando alti e Leali non ha fatto parate. Dobbiamo crescere in intensità e condizione fisica ma siamo sulla giusta strada. Le scelte? Rispetto a Cittadella ho voluto dare continuità, Tupta ha lavorato sempre bene e i nuovi acquisti arrivati negli ultimi giorni vanno gestiti. Dopo una settimana la scelta è stata quella della continuità. Cangiano ha fatto un’ottima gara dando molto fastidio ai mediani del Chievo con ripartenze e conclusioni. I subentrati hanno fatto bene tenendo alta la squadra. Simeri e Bidaoui sono giocatori con caratteristiche diverse che abbiamo voluto per completare il nostro attacco. Bidoui è molto duttile e può coprire più ruoli senza dare riferimenti. Dobbiamo aumentare il loro stato fisico e diventranno efficaci. Calciomercato? Con il direttore Polito abbiamo le idee chiare, so che sta lavorando ed a centrocampo e davanti qualcosa faremo per completare l’organico”.

bonus
Classe '96. Sono un appassionato di calcio a 360°. Questo sport è il vero e proprio "oppio" dei popoli ed io di certo, non mi sottraggo alla sua forza magnetica. La Serie B è un campionato difficile ma incredibilmente divertente, e poterne scrivere, grazie a questa redazione, mi rende orgoglioso.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.