Pescara, Sebastiani sul ‘Caso Bruno’: “E’ sceso dall’auto perchè pensava di aver tamponato qualcuno. Preso di mira da tre anni perchè mio genero”

SEBASTIANI PESCARA BRUNO – Daniele Sebastiani, Presidente del Pescara, è intervenuto ai microfoni di TMW per commentare l’incresciosa vicenda che ha visto protagonista, in negativo, Alessandro Bruno, centrocampista del Delfino e genero dello stesso numero uno degli abruzzesi:

“Purtroppo in una situazione critica come quella che stiamo vivendo, gli animi si sono riscaldati persino troppo, sono situazioni che non dovrebbero mai succedere ma anche le provocazioni hanno un limite: pur condannando tutti e due i gesti, non credo giusto offendere un ragazzo per i risultati sportivi, serve rispetto. E la vicenda non è comunque andata come ha raccontato una sola parte, dato che Bruno ha preferito non parlare. Lui non si sarebbe mai fermato se non avesse ricevuto un colpo all’automobile, pensava di aver tamponato qualcuno: ci sono state poi offese e spinte, e Bruno ha reagito, non sempre si può porgere l’altra guancia. Chiaro poi che rispondere alle provocazioni non va bene, hanno sbagliato tutti e due, ma il rispetto deve essere al primo posto: culturalmente, però, non c’è questa idea, e parlo in generale, queste cose non succedono solo a Pescara. Mi dispiace però che Bruno sia ormai preso di mira da tre anni solo perché è mio genero, quest’anno è stato anche impiegato pochissimo”.

“Quanto accaduto non c’entra niente con il match. Semmai questo episodio deve dare più carica ai ragazzi per far si che si esca da questa situazione dove ci siamo infilati, e per far tacere tutti”.

“Restare in ogni caso a Pescara? A dispetto dei santi, non rimango da nessuna parte. Ma siamo un club sano, pronto a tutto, ci iscriveremo in ogni categoria. Io sono un pescarese doc, a differenza di tanti che parlano, e non farò mai il male del Pescara: se arrivasse qualcuno più bravo di me, sono pronto ad andarmene”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.