Empoli, Muzzi: “Voglio una squadra più operaia, c’è tanto da lavorare”

MUZZI EMPOLI – Al termine della sconfitta del suo Empoli sul campo della Virtus Entella, ecco le dichiarazioni del tecnico Roberto Muzzi: “La prestazione non mi è piaciuta, ma soprattutto l’atteggiamento. Quando ci manca quella cattiveria e quello che è c’è stato sabato, stiamo parlando del niente. L’Entella ha fatto poco per vincere. Non siamo stati aggressivi – riporta Tuttomercatoweb.com – non abbiamo fatto la partita. Dispiace perché dopo sabato sembrava che avessimo intrapreso la strada giusta e invece c’è ancora tanto da lavorare. Vorrei un Empoli più operaio e meno tacco e punta. Qualche difficoltà ce l’ha data anche il campo. Non è però una scusa. Non mi è piaciuto l’atteggiamento. Non è il mio spirito. Sono uno che combatte e voglio farlo fino all’ultimo. La colpa è mia che ancora non ho trasmesso questa cattiveria, fra virgolette, durante la settimana e lavorerò su questo. L’espulsione di Balkovec? Credo sia il nervosismo. L’arbitro non ci ha dato un rigore però gliel’ho detto: come sbagliamo noi, sbaglia anche l’arbitro“.

bonus
Classe '96, Laureato Magistrale in Economia Aziendale con una tesi sulla Corporate Governance delle società calcistiche, italiano di nascita ma cittadinanza napoletana, appassionato di calcio a tal punto che la prima parola detta pare sia stata "Gol" invece di papà o mamma. Quando ho tempo scrivo, o almeno ci provo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.