Vicenza, Meggiorini: “Non ci salveremo se continuiamo a concedere certe occasioni da gol”

MEGGIORINI VICENZA – Riccardo Meggiorini, attaccante del Vicenza, ha analizzato l’elettrizzante pareggio tra i veneti e il Pisa. Ecco quanto riportato da trivenetogoal.it: “È stata una partita molto strana con mille facce diverse, un primo tempo in parità dove abbiamo regalato due gol in situazioni che potevamo evitare. Nel secondo tempo avevamo un uomo in più e dovevamo sfruttare meglio la cosa, invece abbiamo preso altri due gol, quindi c’è sicuramente qualcosa che non va. Tanti errori? Diciamo che a noi non hanno fatto grossi regali, abbiamo fatto dei gol non su loro sciocchezze. Sicuramente non dovevamo prenderne 4, è questo il problema che va rivisto assolutamente, sono discorsi anche tecnici che vanno migliorati e su cui bisogna lavorare. Con che spirito a Cremona? Lo spirito deve essere quello che avevamo oggi a inizio gara, siamo partiti bene e l’ha sottolineato anche il mister a fine primo tempo. Però non possiamo salvarci se concediamo certe occasioni da gol. Prendendo troppi gol diventa difficile, anche perché significa dover segnare quattro, tre o cinque gol a partita e diventa impossibile anche se davanti stiamo facendo anche abbastanza bene. Dobbiamo limare queste cose e migliorare alcuni aspetti tecnici che hanno comportato delle ingenuità da parte nostra che ci hanno fatto subire 4 gol oggi. Siamo stati bravi a sfruttare le palle inattive, peccato non poter gioire dopo aver fatto 4 gol, questo trend va invertito, possiamo fare anche un solo gol ma non dobbiamo prenderne, solo così ti puoi salvare. La mancanza del pubblico ha influito sui cali di concentrazione? Il pubblico soprattutto qui a Vicenza è importante ed è un peccato non averlo, sappiamo che quest’anno è così e dobbiamo farcene una ragione, possiamo comunque migliorare gli aspetti di squadra a prescindere dal pubblico“.

Classe '96, Laureato Magistrale in Economia Aziendale con una tesi sulla Corporate Governance delle società calcistiche, italiano di nascita ma cittadinanza napoletana, appassionato di calcio a tal punto che la prima parola detta pare sia stata "Gol" invece di papà o mamma. Quando ho tempo scrivo, o almeno ci provo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.