Pordenone, Lovisa: “Il nostro tecnico dovrà fare la difesa a quattro. Decideremo entro fine mese”

Matteo Lovisa

MATTEO LOVISA PORDENONE – Matteo Lovisa, direttore sportivo del Pordenone, ha parlato ai microfoni di trivenetogoal.it: “C’è stata sofferenza, i punti che ci aspettavamo potessimo fare prima sono arrivati un po’ in ritardo e ci siamo trovati all’ultima giornata a giocarci una partita decisiva con due risultati su tre. Ma alla fine abbiamo ottenuto un risultato importante. I problemi creati dalla cessione di Diaw? A gennaio per prendere una punta forte ci vuole una forza economica spaventosa, che non avevamo. A giugno ci sono dinamiche differenti, ma un’offerta come quella del Monza per Diaw era impossibile da rifiutare.

Quanto ci è costato esonerare Tesser? Tantissimo, per noi è stato fondamentale e ci ha permesso di raggiungere risultati straordinari. Ma in quel momento pensavamo che la squadra avesse bisogno di una scossa. Come poi effettivamente è stato. Ci sono state tante difficoltà, compreso il COVID, che quando ti colpisce poi ti lascia strascichi anche nelle settimane successive. Come valuto il lavoro di Domizzi? Positivamente. È entrato con intelligenza nei meccanismi della squadra e ha fatto bene. Può essere riconfermato? Certamente. Parleremo con lui a breve e prenderemo una decisione. Tedino tra i papabili? È un tecnico che stimiamo, ma in questo momento no.

Le caratteristiche del nostro nuovo allenatore? Deve fare la difesa a quattro, non prendiamo in considerazione allenatori che non partano da questo punto fermo. Se poi dovesse essere un emergente dalla C oppure un nome che conosce già la categoria questo lo decideremo entro la fine del mese“.

bonus
Classe '96, Laureato Magistrale in Economia Aziendale con una tesi sulla Corporate Governance delle società calcistiche, italiano di nascita ma cittadinanza napoletana, appassionato di calcio a tal punto che la prima parola detta pare sia stata "Gol" invece di papà o mamma. Quando ho tempo scrivo, o almeno ci provo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.