Pordenone, l’ira di Lovisa: “Primo tempo imbarazzante, avrei ritirato la squadra per la vergogna. Rastelli paga scelte tattiche sbagliate, su Tedino…”

LOVISA PORDENONE IMBARAZZANTE – Mauro Lovisa, presidente del Pordenone, ha parlato al termine del brutto KO interno patito dai neroverdi contro la Ternana, che è già costato caro a Massimo Rastelli, sollevato pochi minuti fa dalla panchina friulana. Queste le dichiarazioni del numero uno dei Ramarri, diffuse da TrivenetoGoal.it:

“Per la prima volta ho provato vergogna durante il primo tempo. A fine primo tempo sono entrato negli spogliatoi e ho indicato una certa idea che è stata seguita e in qualche modo si è vista. Per la prima volta in 14 anni da quando sono presidente mai nessuno ha giocato a cinque dall’inizio e mai nessuno lo farà. Sono arrabbiatissimo, il prossimo allenatore giocherà a quattro, non c’è un’idea di gioco. La colpa di questa situazione è mia, il prossimo allenatore porterà entusiasmo e un certo tipo di calcio. Il primo tempo è roba da ritirare la squadra dalla vergogna. Vedrete che usciremo da questa situazione, perché la squadra c’è. Quando si sbaglia la guida tecnica poi si rischia di fare confusione. Ripartiamo con un allenatore nuovo, avrei voglia di riparlare con Tedino, non ha mai sofferto la mia figura e c’è sempre un ottimo feeling. Tedino è un candidato autorevole, conosce la piazza e la piazza apprezza lui. Imbarazzante quanto visto nel primo tempo, neanche l’anno del doppio salto abbiamo fatto tanto male. Abbiamo un centro sportivo e un’organizzazione da Serie A. Anche i giocatori devono fare la loro parte. Se l’allenatore gioca a cinque l’avevo detto che sarebbe uscito di scena. Ha voluto prendersi la responsabilità e adesso viene esonerato. Tre quarti dei giocatori sono da Serie B, abbiamo fatto noi un po’ di confusione con le scelte tecniche. Folorunsho non ha avuto l’atteggiamento giusto, stare fuori gli farà bene”

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.