Alessandria, Longo: “Arbitraggio? Serve rispetto nei nostri confronti. La sconfitta un colpo sul piano morale”

LONGO ALESSANDRIA ARBITRAGGIO – Moreno Longo, tecnico dell’Alessandria, ha parlato in conferenza stampa al termine del match contro il Lecce. Ecco le sue parole, riportate da TMW:

“Pisseri l’abbiamo sostituito per un problema muscolare, che valuteremo nelle prossime ore. Credo che la squadra. Credo che la squadra abbia dimostrato di essere viva, ha lottato e avrebbe portato via punti anche meritatamente in una partita impegnativa sul campo di una squadra ben attrezzata come il Lecce. Sicuramente c’è stata una risposta positiva. Indisponibili? Bruccini non è stato convocato perché ha avuto un problema al ginocchio durante la settimana e quindi non era a disposizione. Per quanto riguarda gli altri, stanno recuperando dai rispettivi infortuni e valuteremo nei prossimi giorni per quanto tempo ancora dovranno stare fuori.

Mancata espulsione di Tuia? Oggi forse è la prima volta che parlo di un arbitraggio, perché a volte non dicendo niente rischio di passare per stupido. Credo che serva rispetto soprattutto per Alessandria, perché oggi ci sono state delle decisioni alquanto discutibili. Credo che il secondo giallo a Tuia fosse netto, mentre quello a Di gennaro fosse regalato. Visto che i secondi gialli condizionano le partite, mi chiedo come possa non intervenire il Varo su una situazione del genere. Questa è una considerazione personale, senza contare il fatto che a pochi secondi dalla fine una clamorosa rimessa laterale invertita ha permesso al Lecce di conquistarsi l’ultima punizione. Mi auguro solo che ci sia rispetto per l’Alessandria: la società e i tifosi fanno sacrifici come tutti gli altri club. In quanto a storia l’Alessandria non è seconda a nessuno, quindi mi auguro di avere la stessa attenzione di altri club.

Sconfitta? Questo è un colpo sul piano morale, perché la squadra meritava di portare via punti. Come ho già detto ai ragazzi, bisogna essere bravi a sbollire questa rabbia e a preparaci ad un’altra battaglia martedì. Sappiamo che in casa nostra dobbiamo assolutamente prendere punti con l’Ascoli. Era normale modificare qualcosa. La questione non è più o meno costruzione dal basso, ma evitare di regalare dei gol com’era successo nelle ultime partite. Detto questo, la squadra deve mantenere la sua filosofia essendo sempre aggressiva e pungente. Lo siamo stati anche oggi, su un campo difficile come quello di Lecce”.

Classe '96. Sono un appassionato di calcio a 360°. Questo sport è il vero e proprio "oppio" dei popoli ed io di certo, non mi sottraggo alla sua forza magnetica. La Serie B è un campionato difficile ma incredibilmente divertente, e poterne scrivere, grazie a questa redazione, mi rende orgoglioso.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.