Reggina, Loiacono: “Sappiamo dove possiamo arrivare. Quanto accaduto contro l’Empoli non capiterà più”

LOIACONO REGGINA EMPOLI – Giuseppe Loiacono, difensore e capitano della Reggina, è intervenuto ai microfoni di Reggina Tv per commentare l’avvio di stagione della compagine amaranto ed analizzare, inoltre, la pesante sconfitta incassata ad Empoli Sabato scorso. Queste le sue dichiarazioni diffuse da StrettoWeb.com:

“Ci sono cose da migliorare, dei particolari che fanno assolutamente la differenza. Avevamo fatto bene nel primo tempo, tenendo bene il campo contro una squadra creata per vincere il campionato, poi nel secondo siamo entrati molli. C’è stata tanta disattenzione, parecchi errori. E’ un peccato, perché comunque non stavamo facendo male fino al gol”.

“Quando si subisce un gol l’errore è generale, perché si analizza bene da dove è partita l’azione. Gli errori non sono stati solo in occasione del gol subito ma anche negli appoggi semplici, nel palleggio. L’errore principale è l’attenzione, che nella ripresa è proprio mancata rispetto al primo tempo. Il primo gol è arrivato a freddo e ci ha spezzato un po’ le gambe, è vero che però ci è mancata la reazione perché c’era tutto un tempo da giocare. Occasioni non ne abbiamo create e poi è arrivato il secondo”.

“Da migliorare ci sono alcuni aspetti. Se analizziamo le ultime due partite c’è parecchio da sistemare, ma prima della partita con la Spal in campo si è vista una buona squadra con ottime idee e tante palle-gol create. Il rammarico è non aver portato a casa quanto meritato, tra Entella e Cosenza ad esempio. Episodi sbagliati? Sì, ma la fortuna te la cerchi, magari qualche volta girerà bene”.

“La differenza rispetto all’anno scorso è palese, è tanta. Si è innalzata la qualità e si è ridotto il margine di errore. Alla minima disattenzione gli avversari fanno male, lo abbiamo visto. Andare in vantaggio è ovviamente più facile, subendolo non è semplice recuperare”.

“All’interno dello spogliatoio sappiamo cosa possiamo fare e dove possiamo arrivare. Sulla carta ci sono abbastanza squadre davanti a noi che hanno anche speso tanto. Noi siamo consapevoli di essere un’ottima squadra ma dobbiamo crederci di più. Il gruppo è bello coeso e compatto, possiamo fare bene”.

“Quando la tifoseria è dalla nostra parte, a incitare pur non facendosi sentire allo stadio perché non si può, è bello sapere che si può contare su di essa. A loro dico che non accadrà più quanto è successo sabato. Ognuno di noi sa cosa ha sbagliato e dove deve migliorare, per questo sono super convinto che non succederà più”.

Il nostro modo di giocare è in base all’avversario, da come vengono a prenderti gli attaccanti. Queste situazioni le studiamo con il mister e ci adeguiamo. Ma a volte non è semplice far partire l’azione da dietro. Chi viene a pressare alto non ti dà la possibilità di far girare bene la palla ma bisogna essere bravi”.

“Domani riprendiamo, abbiamo tutto il tempo per analizzare e confrontarci l’un l’altro, con due settimane a disposizione per prepararci bene”.

22 anni, vivo e studio a Catanzaro. Amante a 360 gradi dello sport più bello del mondo: calcio internazionale, Serie A, B e C sono il mio ossigeno.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.