Criscitiello: “Gravina è l’uomo giusto per la FIGC”

sede figc

GRAVINA FIGC – Nel corso del suo consueto editoriale per TuttoMercatoWeb, Michele Criscitiello ha toccato vari punti, tra cui questione riguardante l’elezioni per il nuovo Presidente Federale: “Corsa alla Presidenza Federale. Finalmente si vota. La data X si avvicina. Il Commissario Montalbano torna a fare il cinema e, forse, è la volta buona che diamo il calcio ai politici del pallone. Settimane fa avevamo esortato un patto Gravina-Sibilia. Bene, ci hanno ascoltati e finalmente le varie componenti si presenteranno con un unico nome e con massima compattezza alle urne. Gravina Presidente, Sibilia Vice Presidente e l’altro Vice Presidente sarà scelto dalla Lega serie A (difficile che sia un uomo di Lotito). Complimenti a Cosimo Sibilia, Presidente LND, che ha anteposto al suo interesse quello del calcio italiano. L’accordo siglato è perfetto per tutti e porta alla Presidenza della Figc l’unico dirigente uscito bene da questa folle estate italiana. Gravina è competente, professionista, manager e persona seria. Nome migliore non poteva uscire per la Presidenza di Via Allegri. Se Gravina lavorerà male saremo i primi a massacrarlo, mediaticamente, ma parte con ottime credenziali. Fare e non rinviare.
Da dove bisogna ripartire?
– Rivisitare da subito i format dei campionati: 18 in A, 20 in B, due gironi in C e fare una serie D élite e una serie D di seconda fascia come da progetto (sul tavolo) della LND.
– Rivedere il progetto squadre B. Così non serve a nulla se non a Marotta. Adesso non c’è più e possiamo abolire questo strazio.
– Riportare il mercato alla chiusura del 31 agosto e 31 gennaio. Da subito! Già da questa sessione invernale.
– Lavorare con Governo per abolizione o almeno rivisitazione della Legge Melandri
– Più agevolazioni per stadi e centri sportivi e più procedure semplici per andare allo stadio.
– Più spazio alle nazionali Giovanili italiane che stanno facendo molto bene ma che il mondo ignora. Eppure c’è un’Italia che funziona. Quella giovanile. Quella che non funziona è la Nazionale maggiore.
– Il calcio femminile è solo uno specchietto per far vedere che siamo interessati alle donne ma così non serve a nulla. Progetto politico e non tecnico. A chi serve?
– Lavorare con AIC per dare un futuro ai calciatori. A fine carriera sono semplici disoccupati con il conto pieno. Non sempre. Rivedere le regole degli Under perché così i giovani non si aiutano, si ammazzano. Hanno una scadenza e a 22-23 anni hanno già smesso di giocare se non sono da grandi palcoscenici.
– Ripristino delle comproprietà regolamentate
– Abolizione di obbligo della fideiussione per una compravendita tra club italiani. Fideiussione non prevista se i club italiani comprano da club esteri.
Buon lavoro Gravina, non vorremmo essere nei suoi panni. Sicuramente tiferemo per Lei“.

bonus
Classe '96, Laureato Magistrale in Economia Aziendale con una tesi sulla Corporate Governance delle società calcistiche, italiano di nascita ma cittadinanza napoletana, appassionato di calcio a tal punto che la prima parola detta pare sia stata "Gol" invece di papà o mamma. Quando ho tempo scrivo, o almeno ci provo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.