GdS: “Quando il gol è una specialità. Ecco come si segna in Serie B”

GOL SERIE B – La Gazzetta dello Sport passa in rassegna i goal segnati in Serie B, titolando: “Quando il gol è una specialità…”. Proseguendo: “Quanto ci mancano i gol. Dall’ultimo, quello di Meggiorini al 91’ di Chievo-Cosenza del 9 marzo, sono passati 47 giorni, ma sembrano molti di più. Sono stati 694 in 279 gare, quasi due e mezzo a partita, a cominciare da quello di Jallow in Salernitana-Pescara del 24 agosto che aveva aperto una stagione che si è complicata e chissà se e quando finirà”. 

Sono stati segnati 694 gol totali in 28 giornate con 279 gare giocate: media 2,49 a partita. Il miglior attacco è del Benevento con 54 reti, seguito dal Crotone con 47 e dallo Spezia con 40. Dalla “radiografia” dei gol emerge che la B va nettamente sul destro con 349 gol segnati, quasi il doppio di quelli realizzati con l’altro piede. Spiccano i 26 dell’Ascoli per i gol di destro, i 23 del Benevento per quelli di sinistro, grazie soprattutto a mancini come Viola, Kragl e Insigne. Sui gol di testa troviamo il Crotone primo con 15 reti e Salernitana e Pordenone sul podio con 13. Nei gol da dentro l’area domina il Benevento con 48 marcature, seguito dal Crotone con 43. La speciale classifica dei gol da fuori area la vince il Chievo con 8 segnature. Infine, i gol maggiormente segnati su rigore sono del Perugia a quota 10, grazie soprattutto ad un infallibile Pietro Iemmello.

“Di destro, di sinistro, di testa, dall’interno dell’area o da fuori, su punizione o su rigore: in ogni caso, l’importante è che si torni a segnare presto” conclude la Gazzetta.

 

Classe '96. Sono un appassionato di calcio a 360°. Questo sport è il vero e proprio "oppio" dei popoli ed io di certo, non mi sottraggo alla sua forza magnetica. La Serie B è un campionato difficile ma incredibilmente divertente, e poterne scrivere, grazie a questa redazione, mi rende orgoglioso.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.