Lecce, Cottafava: “Vedo davvero molto bene questa rosa”

Lecce

COTTAFAVA LECCE SERIE B – Marcello Cottafava, ex difensore del Lecce, ha parlato in esclusiva a Calciolecce.it della sua passata esperienza in giallorosso.

Queste le sue dichiarazioni:

Cosa provo quando mi chiedono di Lecce? Orgoglio, grandissimo orgoglio per aver vestito una maglia così prestigiosa ed anche per il cammino fatto in giallorosso. E’ stato un anno e mezzo colmo di soddisfazione dal punto di vista professionale ed umano. Sul campo sono arrivati gioie e traguardi importanti, fuori ho conosciuto grandi persone ed a Lecce è cresciuta mia figlia, anche se è nata a Genova. Ricordi? Sarebbero tanti, ma ovviamente più di tutti il derby vinto 0-4 a Bari e la finale-promozione con l’Albinoleffe. Il primo fu un risultato storico, eravamo felicissimi di aver regalato un momento così unico ai nostri tifosi. Il secondo ci consegnò la Serie A in uno stadio stracolmo, facendo esplodere la festa in città. Spesso quando mi parlano di quella stagione me la descrivono come stagione sfortunata per la regular season. In effetti fu un po’ una beffa il terzo posto a 83 punti, qualsiasi altro anno saremmo arrivati primi. A posteriori, però, devo dire che siamo stati anche fortunati, perché alla fine è stato più bello così. Essere promossi in quel modo, dopo quell’ulteriore lotta, ci ha fatto vivere emozioni ancor più forti. Attuale B? Penso che sarà lotta serrata fino alle ultime giornate. Nel girone di ritorno qualcuna perderà strada, poi ci potranno essere sorprese in positivo e negativo ed alcune grandi attardate, come ad esempio il Parma, potrebbero rifarsi sotto. In generale vedo comunque tanto equilibrio. Per il Lecce come per tutte sarà fondamentale andare avanti con la stessa continuità che l’undici di Baroni sta dimostrando. Far bene negli scontri diretti e non regalare punti è importantissimo. Vedo davvero molto bene questo Lecce. La società, il direttore Corvino stanno dimostrando grande lungimiranza mettendo in piedi un progetto che parte da lontano e lontano vuole arrivare. Tutto ciò va oltre l’esito della stagione in sé ed è molto importante, perché un campionato si può vincere o meno ma le basi solide restano tutte.Spero con tutto il cuore che vada bene per i giallorossi, ai quali auguro la promozione in Serie A. Il mio cuore è molto legato al Lecce, di cui rimango un gran tifoso. Mi piace molto Fabio Lucioni, nel quale mi ci rivedo un po’ per dedizione alla causa, sacrificio e voglia di lottare sempre ed anche per la lunghezza della carriera. In generale devo però dire che il modo di difendere è cambiato molto in questo decennio. Ora c’è tanto uno contro uno a tutto campo. C’è un altro grande ricordo? E’ vero, è il ricordo del grande magazziniere Antonio De Giorgi. Quanto successe quell’anno ci sconvolse, volevamo tutti bene ad Antonio. A lui abbiamo dedicato i bei momenti che sono arrivati poi in quella stagione“.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.