Venezia, Collauto: “Buona partenza, ora continuiamo così. Su Maleh e sul mercato…”

COLLAUTO VENEZIA MERCATO MALEH – Mattia Collauto, ds del Venezia, ha fatto un bilancio della prima parte di stagione ai microfoni di TMW.

“Siamo contenti ed è inutile nasconderlo, non abbiamo magari fatto cose importantissime ma la partenza è stata buona. Ora dobbiamo pensare a continuare così, il campionato di Serie B è strano e pieno di insidie, occorre stare con i piedi ben piantati a terra: non siamo primi del resto. Ma vedo un gruppo in crescita, con grandi valori non solo tecnici ma anche umani: così è ancora più facile lavorare. L’allenatore sta facendo cose molto buone, ma anche in questo caso ci sono caratteristiche umane e valori importanti, che hanno creato delle dinamiche favorevoli a un certo percorso: non avevamo dubbi su di lui, e fa piacere vedere che ci stia dando conferme. Vogliamo arrivare alla sosta continuando a fare ciò che facciamo nel modo in cui lo facciamo: i risultati sono figli del lavoro. Qua poi c’è una società che ci permette di lavorare con serenità, ha ambizione, competenza ed è sana: avere alle spalle una struttura di questo genere è molto positivo. Quella di Maleh è una situazione ereditata che abbiamo il dovere di risolvere, ma a modo nostro. Youssef è un ragazzo splendido che, con il suo agente, ha fatto la sua scelta, la società a febbraio non esercitò l’opzione di riscatto, ma non chiedetemi perché dato che io non ne facevo parte, e adesso non è bastata la nostra proposta per far proseguire il rapporto. Rispettiamo quanto ha deciso. Di idee ne abbiamo molte ma il mercato invernale non sarà per noi un supermercato, nel senso che in quella finestra proveremo a migliorare qualcosa, per quanto si abbia già una rosa ampia che sta ben facendo. Anche nel ruolo di Maleh hanno giocato altri che stanno facendo bene, vedremo il da farsi.”

Studente di filosofia a 360 gradi, convinto che lo sport ed il calcio forniscano una chiave di lettura per interpretare la vita. Appassionato di scrittura, in qualsiasi sua forma, convinto che ogni campo da gioco sia terreno fertile per la letteratura.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.