Lecce, Baroni: “Ci abbiamo messo personalità, entusiasta di aver preso Strefezza. Con la Reggina sarà durissima”

BARONI LECCE STREFEZZA

BARONI LECCE STREFEZZA – Marco Baroni, allenatore del Lecce, ha parlato al termine della gara vinta 3-1 in casa della SPAL.

Ecco le sue dichiarazioni, riportate da Calciolecce.it:

“Nella partita con la Ternana secondo me si sono concentrati un po’ di episodi sfavorevoli, anche se io non penso mai accadano per caso. Sto cercando di predicare la massima attenzione alla squadra, stiamo facendo bene e dobbiamo rimanere concentrati. Oggi mi è piaciuto il piglio, abbiamo sempre tentato di giocare anche nei momenti in cui la SPAL ha portato pressione. La considero una vittoria importante, su un campo difficile contro una squadra dai valori tecnici importanti. La SPAL sarà protagonista del campionato. Siamo venuti con personalità e autorità, questo mi è piaciuto.

Noi siamo partiti con un organico nuovo, abbiamo cambiato sistema di gioco, la squadra veniva da un’impostazione diversa. I ragazzi sono giovani ma ricettivi, io ho cercato di portare il mio credo, di fare un calcio offensivo, dinamico, di movimento. Il campionato è pericoloso e basta poco. Noi dobbiamo lavorare su noi stessi e bisogna avere fame, lavorando settimanalmente.

Noi prima della Ternana abbiamo ricevuto delle celebrazioni sul gioco difensivo. Io ho suonato diversi allarmi ma non sono serviti. Abbiamo inanellato degli errori e abbiamo subito, pareggiando e rischiando di perdere nonostante una mole di gioco importante. Oggi avevo chiesto una grande prestazione e questo m’interessa, al di là delle vittorie che fanno piacere a me interessa quello. Noi non siamo una squadra che gestisce la partita, non lo alleniamo e non sappiamo stare vicino l’area di rigore. Dobbiamo correre in avanti e mettere in difficoltà le squadre avversarie recuperando palla alti. Abbiamo degli attaccanti bravi che devono sostenere il gioco nella metà campo avversaria. Lavoriamo molto durante la settimana.

Io sono contento di Strefezza, non aveva mai fatto questo ruolo e noi ci abbiamo creduto. Io sono stato entusiasta di prenderlo, l’ho detto di farlo velocemente e gli vedevo addosso un bagaglio esperienziale per fare quel ruolo. Non mi preoccupa, può solo crescere. A Ferrara ha fatto bene in A e in B, adesso lo teniamo. Al di là del singolo però m’insegna la squadra. Coda recupererà con la Reggina? Penso di sì, si è allenato poco ma oggi smaniava per giocare. Non ha mai avuto una lesione ma dobbiamo tenere sotto controllo la sua situazione. Olivieri ha fatto bene anche oggi, sta crescendo in quel ruolo, abbiamo un opzione in più e mi fa piacere.

Reggina in crisi? Io conosco squadra e giocatori, sarà durissima. Dobbiamo mettere alle spalle questa gara e sapremo che sarà dura.”

Studente di filosofia a 360 gradi, convinto che lo sport ed il calcio forniscano una chiave di lettura per interpretare la vita. Appassionato di scrittura, in qualsiasi sua forma, convinto che ogni campo da gioco sia terreno fertile per la letteratura.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.